Janka viaggia verso la Coppa

Primo dopo la prima manche del gigante, secondo Simoncelli, out Blardone

Un bel gigante, quello di Garmisch: mosso, veloce, impegnativo. Uno dei passaggi chiavi a metà gara: una ‘lunga’ sul ripido dopo un dosso, prima di due porte che girano parecchio. Si arriva veloce: il primo a ‘rimetterci le penne’ è stato Massimiliano Blardone, partito con il pettorale 1: arriva lungo, salta la ‘rossa’ successiva, rientra, ma chiude solo per onor di firma, con più di 8 secondi di ritardo. Così addio sogni di gloria per la classifica di gigante di Coppa del Mondo. Va meglio a chi parte dopo di lui: Davide Simoncelli con il 2, quindi Ligety, Jansrud e Janka. E’ proprio lo svizzero il più veloce nel tracciato disegnato dal suo allenatore Mauro Pini: a 17 centesimi il nostro ‘Simo’, a 28 Ligety, a 57 Jansrud. Janka ad un passo, dunque, dal ko per la Coppa del Mondo visto che Raich è solo undicesimo; stesso copione nel coppetta di gigante con Ligety grande favorito dopo l’uscita di scena di Blardone e Hirscher, con il solo Jansrud da controllare. Gli altri azzurri: nono Alexander Ploner a 1"14, quattordicesimo Michael Gufler a 1"64, quindicesimo Alberto Schieppati a 1"84, ventesimo Manfred Moelgg a 2"33. 

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...