Christof Innerhofer ©Agence Zoom

Christof Innerhofer ha ritrovato il podio che mancava dal gennaio del 2017, quando a Kitzbuehel concluse secondo in superG. Una boccata d’ossigeno per l’azzurro che dopo i Giochi Olimpici di PyeongChang era stato molto critico con lo staff. «Finalmente questo podio è arrivato, non ci credevo nemmeno più. Quest’anno non è girata come volevo, è stata una stagione con delle buone cose, soprattutto le prove della discesa”.

A CUOR LEGGERO – «Questo podio mi aiuta a godermi un po’ di più la primavera e a essere un po’ più sereno. Oggi è stata una discesa corta, ma è stata bella perché tutti hanno dato il massimo».

ANNO DIFFICILE – «E’ stato un anno difficile: la stagione è cominciata con la tristezza dell’incidente di David, poi c’è stata la speranza, con il quarto e il quinto posto, poi aspettavo la vittoria, che non è arrivata. Avevo tanta voglia di fare ma non concretizzavo niente. Ci sono state delusioni, dubbi, ora però vado a casa con il sorriso. Per come sto sciando in allenamento mi dò 9, per i risultati della stagione non mi posso dare più di 6, perché non ho fatto nulla di quello che avrei potuto fare».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.