Innerhofer, due giorni al buio

Riposo assoluto e 'Inner' scherza: «Almeno non arriverò stanco in Canada»

Christof Innerhofer è tornato a Gais. Siamo riusciti a metterci in contatto telefonico con l’iridato, che ci è sembrato su di giri. Saranno necessari due giorni al buio nella sua camera, prassi normale dopo i traumi cranici. Poi altri quattro di riposo ed infine una visita neurologica per poter riprendere ad allenarsi e volare in Canada. Ecolo ‘Inner’, che ci scherza anche su: «La cosa più importante è la salute, quindi appena ho capito di non essermi fatto qualcosa di significativo, ho tirato un sospiro di sollievo. Ora sto meglio, ho ancora un po’ mal di testa, ma credo sia normale dopo un impatto così violento. Mi sono impuntato e di conseguenza ribaltato. Il ginocchio? Solo una contusione per fortuna. Adesso due giorni al buio, così mi riposerò bene e dormirò. Sicuramente non arriverò stanco in Canada e alle prime gare veloci…».

Altre news

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar da ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Telenovela finita. Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha...

La Svizzera ha scelto le condizioni di La Thuile per gli ultimi allenamenti

La Thuile si rivela anche sul finale di stagione una meta privilegiata per i top dello sci mondiale. In quest’ultima settimana di apertura, appena chiuso il Criterium Cuccioli con 600 giovani atleti da tutta Italia, ecco che il comprensorio...