Il ritorno di Robert Brunner

Dopo 9 anni in Austria, nuovamente in Fisi

Da quell’abbraccio al parterre con Benni Raich capisci che ha lasciato il segno. E’ un abbraccio che ha il significato della riconoscenza. Robert Brunner adesso non lavora più con l’Austria. Dopo nove stagioni a fare da ‘chioccia’ allo squadrone biancorosso, l’altoatesino di Vipiteno torna a fianco degli azzurri. Si vede che è uno che ci sa fare. Finish area seconda manche gigante femminile: le premiazioni sono il suo ‘pane’, e gestisce in maniera brillante Manuela Moelgg, dal podio alla conferenza stampa, ovunque. Il suo pregio è esaltare la visibilità di uno sponsor, nel ‘piccolo grande’ mondo dello sci alpino è ‘maestro’. Non si può dire altrimenti. Conosce tutto e tutti. D’altronde uno che ha lavorato con Alberto Tomba di esperienza ne ha eccome. "E’ un lavoro che mi sono inventato con Alberto, prima non c’era questa esigenza di visibilità per quanto riguarda le sponsorizzazioni. E’ nato tutto quando ho portato Zuegg in Fisi e quel marchio doveva essere esaltato, fatto conoscere, per questo è nata la funzione al parterre. Intanto dopo nove anni in Austria, sono tornato a casa. Sono molto orgoglioso di questa cosa..".

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...