Il punto di De Chiesa. ‘Il miglior Razzoli di sempre’

Concedetemi un po’ di soddisfazione personale, oltre all’immensa gioia di rivederlo sul podio dopo più di tre anni, immaginabile da chi mi segue nei commenti, per esempio azzerati per l’emozione durante la sua manche olimpica! Quest’anno, dopo aver ripetuto alla noia in tv che Giuliano Razzoli scia meglio di quando vinse le Olimpiadi, in molti avranno pensato a una delle solite stupidaggini uscitemi di bocca davanti al microfono. Ma Giuliano questa volta mi ha sorretto, confermando le aspettative di chi, come me, ne ha intravisto una sciata di nuovo ai vertici sin dalle prime gare della stagione, pur partendo con numeri alti, schiacciato dalla pressione di non uscire dai 30 naufragando nelle liste di partenza! Razzoli è da applausi per averci messo il cuore e per l’evoluzione tecnica metabolizzata nei nuovi tracciati, ristrettisi anche di un paio di metri tra una porta e l’altra proprio dopo le sue Olimpiadi. In crisi quasi irreversibile, complici piccoli infortuni, il campione emiliano ha smentito detrattori e pessimisti invertendo la tendenza. Come? Accorciando i tempi di curva e migliorando la centralità d’assetto, dimostrata dagli eccezionali parziali cronometrici sul ripido, metamorfosi necessaria vista l’impossibilità di seminare gli avversari sui piani, come quando c’era lo spazio per scaricare sulla neve la sua potenza, tra l’altro affinata con una preparazione atletica impeccabile, unitamente a una dieta ferrea. Il podio della Podkoren corona una stagione che avrebbe potuto essere sbalorditiva, se il Razzo non si fosse piantato in quell’orribile gimcana della prima manche iridata, quando, badate bene, stava viaggiando…. molto più veloce del vincitore JB Grange!

Altre news

Linea di continuità nelle squadre femminili azzurre

Pronte le squadre azzurre femminili. Tutto confermato per quanto riguarda il gruppo élite con quattro atlete, Marta Bassino, Federica Brignone, Elena Curtoni e Sofia Goggia, quattro tecnici di riferimento, Daniele Simoncelli, Davide Brignone, Paolo Stefanini e Luca Agazzi, sotto...

Ecco le squadre maschili. Rimane Innerhofer ma Gross da ottobre. Sale Talacci, scende Barbera

Ecco le squadre maschili di sci alpino per la stagione 2024-2025 agli ordini del direttore tecnico Max Carca. Christof Innerhofer doveva essere escluso considerate le prime riunioni, poi alla fine è stato inserito ancora nel gruppo Coppa del Mondo....

Il 20 luglio a Razzolo di Villa Minozzo sarà grande festa per Razzoli

La grande festa per l'addio alle gare di Giuliano Razzoli è fissata a Villa Minozzo, nel natale Appennino reggiano, in frazione Razzolo sabato 20 luglio. Sarà l'addio ufficiale alla magica carriera dello slalomista emiliano, oro a Vancouver nel 2010,...

Grazie Razzo, è stato un lungo ed inimitabile viaggio

Oggi è arrivata la notizia ufficiale, da settimane nell'aria: Giuliano Razzoli ha detto basta. L'olimpionico del 2010 (suo due stagioni fa l'ultimo podio della squadra azzurra in slalom in Coppa del Mondo) lascia l'agonismo e noi vi riproponiamo l'editoriale di aprile...