Il punto di De Chiesa: ‘Bella la discesa di Saalbach’

Dopo i segni di risveglio dicembrini e il brusco dietrofront nella discesa di Santa Caterina, ridotta a caricatura della regina dello sci, Saalbach ha riscoperto l’inversione di tendenza intrapresa quest’anno, almeno nelle intenzioni. Non si correva più dai mondiali del ’91 e, in ogni caso, riempita di dossi a catena chi l’avrebbe più riconosciuta! Bella, anzi bellissima e veloce da paura, la pista austriaca ha riappiccicato alla tv molti appassionati, ormai disamorati nei confronti della specialità. Questa volta, le velocità erano rilevate anche nei micidiali curvoni iniziali, per lo più ciechi e in pendenza fortemente a sfavore, sì da sprigionare forze centrifughe di inaudita violenza: 140 orari, per la precisione 144 la punta toccata dal vincitore Matthias Mayer in una tornata sul ripido! Pazzesco. E poi i salti, moltissimi, con quello finale che sparava suggestivamente sopra un’auto dello sponsor anche a 70 metri, con atterraggio non propriamente sul ripido. In casa Austria, notoriamente refrattaria alle fasi di volo prolungate, vedere una discesa dove si stava più in aria che sulla neve, per altro zeppa di asperità e sconnessioni, è stata una fantastica sorpresa. Se Hannes Trinkl, campione del mondo di discesa nel 2001 e tracciatore ufficiale FIS, è riuscito a imporre anche in Austria, ad eccezione di Kitzbhuel dove non ce n’è bisogno, vigente la legge della Streif, la linea spettacolare dettata da Markus Waldner, giudice arbitro maschile, la discesa forse ha preso la direzione giusta.

Altre news

Linea di continuità nelle squadre femminili azzurre

Pronte le squadre azzurre femminili. Tutto confermato per quanto riguarda il gruppo élite con quattro atlete, Marta Bassino, Federica Brignone, Elena Curtoni e Sofia Goggia, quattro tecnici di riferimento, Daniele Simoncelli, Davide Brignone, Paolo Stefanini e Luca Agazzi, sotto...

Ecco le squadre maschili. Rimane Innerhofer ma Gross da ottobre. Sale Talacci, scende Barbera

Ecco le squadre maschili di sci alpino per la stagione 2024-2025 agli ordini del direttore tecnico Max Carca. Christof Innerhofer doveva essere escluso considerate le prime riunioni, poi alla fine è stato inserito ancora nel gruppo Coppa del Mondo....

Il 20 luglio a Razzolo di Villa Minozzo sarà grande festa per Razzoli

La grande festa per l'addio alle gare di Giuliano Razzoli è fissata a Villa Minozzo, nel natale Appennino reggiano, in frazione Razzolo sabato 20 luglio. Sarà l'addio ufficiale alla magica carriera dello slalomista emiliano, oro a Vancouver nel 2010,...

Grazie Razzo, è stato un lungo ed inimitabile viaggio

Oggi è arrivata la notizia ufficiale, da settimane nell'aria: Giuliano Razzoli ha detto basta. L'olimpionico del 2010 (suo due stagioni fa l'ultimo podio della squadra azzurra in slalom in Coppa del Mondo) lascia l'agonismo e noi vi riproponiamo l'editoriale di aprile...