I norvegesi in ritiro nel Garda Trentino

Si ritorna sempre dove si è stati bene. Anche per questo, la Nazionale norvegese maschile non ha avuto alcun dubbio, scegliendo per il secondo anno consecutivo il Garda Trentino per il ritiro estivo in vista della prossima stagione invernale, tra le sponde trentine del Lago di Garda e le Dolomiti della Paganella, cimentandosi in numerose attività, a partire dalla bicicletta – da strada e mountain bike – fino al tennis e al jiu jitsu, tra allenamento e puro divertimento. Come sottolineato dal direttore di Garda Dolomiti Azienda per il Turismo, Oskar Schwazer, «La collaborazione tra questi territori e Trentino Marketing, ha permesso di fornire agli atleti non solo le condizioni ideali per l’allenamento ma anche per il tempo libero, per poter godere delle bellezze circostanti e dell’enogastronomia locale».

© Roberto Bragotto

«Siamo orgogliosi di ospitare una nazionale straordinaria come quella norvegese che ha ottenuto anche in questa stagione grandi risultati. Soggiornare in territori meravigliosi come la Paganella e il Garda Trentino sicuramente ha aiutato gli atleti a compensare la fatica degli allenamenti con paesaggi stupendi e un’ospitalità unica. In Trentino guardiamo già alle Olimpiadi invernali del 2026: in bocca al lupo ai norvegesi, anche se l’auspicio è che il primo posto lo conquistino gli italiani», ha commentato l’Assessore allo sport e al turismo della Provincia Autonoma di Trento Roberto Failoni, presente alla presentazione all’Hotel Giardino Verdi di Riva del Garda, insieme, tra gli altri, al presidente di Garda Dolomiti Azienda del Turismo Silvio Rigatti, al direttore di Garda Dolomiti Azienda per il Turismo Oskar Schwazer, all’assessore allo sport e turismo del Comune di Arco Dario Ioppi, all’assessore allo sport e turismo del Comune di Ledro Luca Zendri e al direttore di Paganella Ski Ruggero Ghezzi.

© Dennis Pasini/Vitesse

Tra i nove norvegesi presenti anche il capitano Aleksander Aamodt Kilde, «Siamo onorati di essere tornati qui: ci siamo allenati intensamente ma ci siamo anche divertiti molto. È stato bello perché l’abbiamo fatto insieme come team e soprattutto in un territorio straordinario come questo, spero davvero continueremo a tornare in futuro. Nella nostra squadra lavoriamo tanto assieme indoor in Norvegia, ma questo ritiro in Trentino, all’aria aperta, è sicuramente qualcosa di speciale che ci spinge a legare ancora di più».
Con Kilde c’erano anche Atle Lie McGrath, Aleksander Steen-Olsen, Sebastian Foss Solevaag, oltre a Lucas Braathen. «Qui l’anno scorso abbiamo posto le basi per una grande stagione – racconta il vincitore dell’ultima Coppa del Mondo in slalom – che mi ha regalato grandi soddisfazioni. Peccato per l’appendicite che ha compromesso il mio Mondiale, e per Campiglio: ero in testa dopo la prima manche, scendere dal podio nella seconda ha fatto male. Ma quest’anno tornerò in Trentino per riprovarci: voglio far ballare gli appassionati, in gara e anche dopo…».

© Roberto Bragotto

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...