I Fill good!

Impresa di Pietro sul ghiaccio di Lake Louise: prima vittoria in carriera

La prima vittoria in carriera di Peter Fill ha un sapore davvero speciale. È la risposta a tutti coloro che lo consideravano un ‘fuoco di paglia’. Nella mattina canadese ‘Pietro’ è stato praticamente perfetto: ha tirato fuori dal suo bagaglio tecnico tutte le qualità che conosciamo e ha ‘pennellato’ nel tratto tecnico della pista. Sicuramente ha tratto vantaggio dal peggioramento della visibilità poco dopo la sua partenza: è sparito il sole e si è anche alzato un leggero vento. Quel pizzico di fortuna che ci vuole, che accompagna ogni grande impresa. E che soprattutto va a compensare la delusione di tante vittorie sfumate per pochi centesimi e per la stagione passata davvero piena di problemi. Vittoria su Carlo Janka (pettorale 65), sull’outsider Hans Olsson (atleta in grande crescita), su Georg Streitberger e Klaus Kroell, protagonisti delle giornate di warm-up. In sesta posizione splende ancora il colore azzurro: ecco Cristof Innerhofer, al miglior risultato in carriera in questa disciplina. Discreto anche il quindicesimo posto di Werner Heel, un po’ a strappi rispetto alla fluidità che gli conosciamo. ‘A picco’ i big della disciplina: si è salvato solamente Aksel Lund Svindal, settimo nel giorno del ritorno in gara in discesa libera; 16° Miller, 32° Didier Cuche, partiti forse quando le condizioni meteo erano peggiori.

Quando abbiamo sentito Gianluca Rulfi poco prima di Matteo Marsaglia (pettorale 52), non voleva certo festeggiare in anticipo: «Piano piano, occhio a Kreuzer e Janka, se poi si alza il sole, tutto può succedere». Kreuzer è uscito, Janka è rimasto in vantaggio su Peter sino all’ultimo intermedio. Vittoria sudata, sofferta, alla fine ancor più ‘goduta’: «Una grande soddisfazione – ci dice Rulfi durante la premiazione – ho ancora il ‘magone’ dentro».

Godiamoci il successo di Peter Fill , un grande atleta, un bravissimo ragazzo. Lo sci italiano riparte dal suo sorriso!

Altre news

Persio Pennesi, la sicurezza al centro del programma

Francesco Persio Pennesi è un volto conosciuto nel mondo dello sci. Avvocato - e maestro di sci con esperienze in Italia ed all’estero tra Bariloche, Valle Nevado, Aspen e St. Moritz -, ha concentrato le sue conoscenze lavorative sulla...

Lara Colturi sempre in pista con caschi e maschere Bollé

Prime gare stagionali con eccellenti risultati per Lara Colturi, che si allena (e gareggia) ogni giorno indossando sempre materiali Bollé. In slalom la giovane di talento ha deciso di utilizzare il casco Mute Salom Mips che garantisce la massima sicurezza...

Pietro Marocco si ricandida: «Una Federazione dinamica, flessibile, capace a dialogare, mettersi in discussione»

Dopo quattro anni alla vicepresidenza della Fisi, Pietro Marocco si ricandida come consigliere alle prossime elezioni nazionali. «Sì, ma c’è anche un decennio alla guida dell’AOC, un’esperienza straordinaria, certamente non facile, ma che mi ha ripagato con la soddisfazione di...

Svindal: «Ho un cancro ai testicoli»

Un post su Instagram scioccante: cancro ai testicoli. È quello che si legge sul profilo social di Aksel Lund Svindal. Ho sentito un cambiamento nel mio corpo. Non ero sicuro di cosa fosse, o se fosse qualcosa. Ma ho...