Grange saluta a 36 anni, la metà trascorsi in Coppa del Mondo: «Lo sci la mia vita, la passione rimarrà tale»

Diciassette anni di Coppa del Mondo, 36 sulla carta di identità. Un altro grande dello sci saluta l’agonismo, è il transalpino Jean-Baptiste Grange che in carriera ha vinto due titoli iridati in slalom (Garmisch nel 2011 e Vail nel 2015), bronzo ad Åre nella stessa disciplina, oltre a 9 vittorie in Coppa del Mondo per un totale di 18 podi. Saluterà a fine stagione dopo quasi 200 pettorali indossati (195 finora), saluta con un video e un lungo messaggio postato sui social. 

Jean Baptiste Grange ©Agence Zoom

«È tempo di chiudere questo bellissimo capitolo della mia vita e appendere gli sci al chiodo alla fine della stagione – scrive -. È stata un’avventura incredibile iniziata da giovanissimo nel mio villaggio di Valloire, iniziata da una famiglia di sciatori su cui ho potuto contare da allora, sempre con dedizione e discrezione. Un’avventura che avrebbe potuto fermarsi bruscamente all’età di 11 anni dopo 2 ernie del disco. Spinto da questa folle passione per lo sci, ho lottato per realizzare i miei sogni d’infanzia e viverli sugli sci fino all’età di 36 anni». 

Jean-Baptiste Grange ©Agence Zoom

GRAZIE A TUTTI – «Quanta strada ho fatto e quanta felicità. Non ringrazierò mai abbastanza tutte le persone appassionate che mi hanno accompagnato nei momenti più belli come in quelli più difficili! Ognuno nel suo campo ha contribuito: allenatori, tecnici, preparatori fisici e mentali, fisioterapisti, medici, i “compagni” dei diversi gruppi, la mia famiglia, gli amici, i sostenitori, il fan club, i miei sponsor. Tutte queste persone che ci circondano e che hanno reso tutto questo così ricco umanamente, che mi hanno anche aiutato a mettermi in discussione, a ricominciare e a progredire. Senza dimenticare la Federazione, senza la quale nulla sarebbe possibile, dal club Valloire al gruppo della Coppa del Mondo passando per il distretto e il comitato». 

Grange, qui ritratto all’epoca del primo trionfo a Levi (©Agence Zoom)

UN FUTURO DA PAPÀ – «Ho dedicato la mia vita a questo sport, in ogni dettaglio, e lui me l’ha restituita, facendomi vivere momenti indimenticabili! Oggi mi sento pronto a passare oltre, a fare il padre di una bambina di 6 mesi, pieno di sfide future. Lo sci è la mia vita, la mia passione e rimarrà tale».

Altre news

Grazie Razzo, è stato un lungo ed inimitabile viaggio

Oggi è arrivata la notizia ufficiale, da settimane nell'aria: Giuliano Razzoli ha detto basta. L'olimpionico del 2010 (suo due stagioni fa l'ultimo podio della squadra azzurra in slalom in Coppa del Mondo) lascia l'agonismo e noi vi riproponiamo l'editoriale di aprile...

Oreste Peccedi e l’idea della Stelvio di Bormio

Nel ricordo di Oreste Peccedi vi riproponiamo il racconto sulla nascita della Stelvio di Bormio, pubblicato sul numero 166 di Race Ski Magazine. Ci sono persone che quando parlano non finiresti mai di ascoltarle. Non servono tante domande, il loro...

Lo sci piange Oreste Peccedi

Lutto nel mondo dello sci alpino, è scomparso, a 84 anni, Oreste Peccedi ex allenatore della Valanga Azzurra, uno dei più importanti personaggi della storia dello sci alpino italiano. Peccedi, nato a Bormio nel 1939, cominciò a fare l’allenatore di...

Master istruttori, dopo l’orale i 12 accedono al corso: primo modulo teorico a luglio

Erano oltre 100 al gigante divisi in batterie sulle nevi di Livigno e poi l'altra selezione della prova degli archi sempre nella località dell'Alta Valtellina. Adesso l'ultimo atto con l'esame orale e la discussione della tesina a Milano nella...