Gli azzurrini sulla Stelvio

Apripista in Coppa del Mondo

Il termometro della casetta della partenza questa mattina prima della ricognizione segnava -12°. Nella notte la temperatura si è abbassata repentinamente in Alta Valtellina, così la pista Stelvio si presentava tirata a lucido. Dopo il riscaldamento sulla Praimont, dalle 9.15 la prima ispezione del tracciato. In ricognizione all’altezza della terribile diagonale della Carcentina con Giuseppe Zeni. Le copiose nevicate delle ultime settimane hanno nascosto diverse gibbosità del pendio. Tuttavia alcuni passaggi rimangono davvero impegnativi. La traversa della Carcentina, se non particolarmente mossa, è stata comunque barrata. Gli atleti passano uno ad uno. Ecco il nutrito contingente del Pianeta Giovani-Ratiopharm. Il "Beppo" spiega le linee, le traiettorie che alla prima visione sembrano più reditizie. Vedi negli occhi la faccia di chi per la prima volta saggia un pendio così impegnativo. Gianluca Rulfi, appostato nello schuss finale affermerà: “Hanno fatto fatica, ma attaccare la Stelvio non è certo una passeggiata. A tratti poi si vedeva male, soprattutto dopo la piana di San Pietro. C’era buio, e gli sci sbattevano parecchio”. In più il finale della Stelvio si presentava davvero ghiacciato. Claudio Ravetto ha voluto che in otto partecipassero alle prove come apripista: “Devono farsi le ossa in discesa e poi questa pista ha un elevato tasso tecnico, il massimo per un allenamento in discesa, anche perché in questo periodo con le località piene di turisti è difficile chiudere un tracciato per la velocità e metterlo in sicurezza. E poi non c’è palcoscenico migliore per assaporare l’atmosfera della Coppa del Mondo. E’ venuto il momento di accelerare il loro ingresso nella massima serie”. Presenti Andy Plank, Raphael Runggaldier, Riccardo Tonetti, Mattia Casse, Andrea Ravelli, Luca De Aliprandini, Dominik Paris e Julian Giacomelli, che ha perso uno sci in Carcentina ma senza conseguenze.

Altre news

Sestriere non dorme per allestire il gigante: lavoro incessante per garantire il grande spettacolo

Tanta neve lungo la strada, tanta neve al colle, ma nel primo pomeriggio è spuntato il sole a regalare una cartolina unica di Sestriere. L’inverno vero è arrivato, ma per gli uomini dell’organizzazione è partita la corsa contro il...

Gli azzurri pronti alle sfide del Critérium de la Première Neige

Il Critérium de la Première Neige a Val d’Isère, una classica sulla Face de Bellevarde. Si parte sabato con il gigante, domenica poi spazio allo slalom (9.30 e 12.30 gli orari delle due manche per entrambe le gare). Anche...

Michael Matt passa ad Augment

Si allarga il team Hirscher: Michael Matt ha deciso di lasciare Völkl (che aveva scelto a fine stagione dopo sette anni con Rossignol), per proseguire la stagione non con i Van Deer, ma con gli Augment (dove sono già...

Sestriere pronta per il gigante di Coppa del Mondo. Bassino pettorale 1, Brignone con il 4

La Giovanni Alberto Agnelli è tutta illuminata alle 5 del pomeriggio del venerdì, si continua a lavorare per preparare al meglio la pista in vista del gigante di sabato mattina. Nella notte e poi per tutta la mattina è...