Ghilardi-Morzenti, dialogo in vista delle elezioni

Ghilardi: «Ora serve unità. Il Commissariamento? Preferivo la Di Centa»

E’ proprio campagna elettorale. Vi ricordate la violenta contrapposizione dell’aprile 2011 al Lingotto di Torino fra i candidati alla presidenza Fisi Giovanni Morzenti e Carmelo Ghilardi? Acqua passata. Infatti in questi giorni Ghilardi e Morzenti si sono trovati. I rapporti fra i due si stanno ‘ricucendo’ e sembra che possa aprire una nuova prospettiva clamorosa in vista delle elezioni federali che dovrebbero svolgersi a marzo. Dicevamo già che l’area ‘morzentiana’ si stava ricompattando dopo il commissariamento, che si stava ritrovando e riorganizzando. Adesso si aggiunge anche un confronto sempre più serrato con Ghilardi. Mosse elettorali? Fronte comune? Non è certo, ma è probabile. «Sono finiti i tempi dei litigi, adesso, visti i prioblemi della Federazione, credo che sia giunto il momento di provare a fare fronte comune, trovare unità insomma, ma questo deve essere fatto sui programmi e sulla squadra, non così a caso», ha detto Ghilardi. L’ex sfidante di Morzenti si sofferma anche sulla situazione attuale in Fisi: «A dire il vero avrei preferito come commissario straordinario una come Manuela Di Centa, una di noi insomma».

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...