From A2 with love

«From A2 with love». Facciamo nostra la frase che abbiamo letto sull’account instagram di Matteo Marsaglia dopo il quarto posto di Beaver Creek, dopo la resurrezione sulla Birds Of Prey insomma. E si, sulla leggendaria Streif di Kitzbuehel, i ragazzi di Lorenzo Galli dimostrano di continuare a crescere. Matteo Marsaglia, 10° poi a Bormio, termina 12°. «Ho perso quattro-cinque decimi di troppo, altrimenti potevo essere ancora più avanti. Ho sbagliato l’ingresso della stradina, poi in quel tratto dove è necessario essere molto scorrevoli ho accumulato altro ritardo. Nel complesso anche oggi ho dimostrato solidità e c’è ancora domenica con un’altra discesa».

Matteo Marsaglia ©Agence Zoom

Commosso Guglielmo Bosca, 15° al traguardo. Sulla Streif sei anni fa l’esordio in Coppa del Mondo. Poi tre anni maledetti praticamente con infortuni a raffica e più che altro gravi. Proprio a Kitz si chiude un cerchio. Ecco i primi punti in discesa e soprattutto il miglior risultato in Coppa del Mondo. Ecco Gugu: «Dopo averne passate così tante chiudere 15° con il 44 sulla mitica Streif è sicuramente una emozione forte. E’ stato un lungo cammino per tornare competitivo dopi due infortuni, l’ultimo undici mesi fa. Prima i due superG in Gardena e Wengen ed ora un ulteriore passo avanti. Faccio fatica ancora a rendermi conto… Chiudere così avanti non lo avevo preventivato, devo essere sincero».

Pietro Zazzi ©Fisi-Pentaphoto

E poi Pietro Zazzi, 28° con il pettorale 51. Tesserato con il Reit Ski Team Bormio, non un militare insomma. E pensare che Zazzi non è mai stato in comitato regionale, nei corpi mìilitari ed in nazionale junior. Una bella storia. «Ho fatto una trafila diversa, per quello devo ringraziare oltre a Daniele ed Andrea Martinelli del Reit, la mia famiglia. A vent’anni non vincevo come i miei coetanei, adesso invece mi sto togliendo delle soddisfazioni. Nell’ultimo biennio ho trovato più stabilità, prima con la B e ora con il team A2 insieme a Lorenzo Galli e Patrick Staudacher».

Galli e i ragazzi in rico sulla Compagnoni di Santa in Coppa Europa ©Pez

Ma sentiamo il coach Lorenzi Galli: «Matteo era in condizione, eravamo consapevoli. Peccato per quell’errore nella zona della stradina. Sono davvero contento per Gugu che dopo tre anni in cui ha tribolato non poco si è tolto questa grande soddisfazione. E poi anche Pepe Zazzi, che piano piano è cresciuto ed ha dimostrato che con il lavoro si possono ottenere risultati. Ricordo inoltre Nicolò Molteni che in Coppa Europa ha centrato il primo podio. E tutto questo senza Florian Schieder ed Alexander Prast attualmente infortunati». Finalmente dei segnali importanti insomma da dietro. Oltre al divino Dominik Paris, c’è un movimento che cresce. 

Altre news

Sestriere si prepara per il ritorno della Coppa del Mondo

Martedì si è tenuto a Sestriere il sopralluogo della Fis in vista delle prossime gare di Coppa del Mondo che faranno tappa sulle piste della Vialattea sabato 22 e domenica 23 febbraio 2025. Come per l’ultima edizione ospitata a...

Osservati del Centro-Sud in allenamento a Les 2 Alpes

Destinazione Les 2 Alpes per il gruppo degli atleti Osservati del Centro-Sud, in pista per allenarsi con i tecnici della Fisi. Il direttore tecnico giovanile Paolo Deflorian ha convocato da lunedì 23 a sabato 28 giugno quindici uomini e otto...

Il team Nordica si allarga: entrano anche Saccardi e Canins

Dopo il rilancio ufficiale della scorsa stagione, Nordica continua a rafforza il suo team race con nuovi arrivi, su tutto l’arco alpino e in tutte le discipline. Jörg Ruedl, Racing Business Manager e il Racing Sport Manager Manfred Mölgg...

I ‘grandi infortunati’ al lavoro per il rientro

L’ultima stagione è stata costellata da tanti infortuni eccellenti. Compresi quelli in casa Italia con Sofia Goggia ed Elena Curtoni. Tutti al lavoro per il rientro, vediamo allora come sta andando il recupero degli atleti in giro per il...