Fiorano lascia l’attività: «Il ginocchio non mi ha dato tregua: impossibile continuare»

«Buttavo la monetina e speravo andasse bene». Jasmine Fiorano era arrivata a quel punto. Non si poteva più fidare del suo ginocchio malandato, che ora non regge più e che a febbraio l’ha di nuovo fermata. Impossibile continuare con continue interruzioni e senza avere una programmazione per tentare il grande salto. Così è arrivata la decisione più sofferta: ritiro dall’attività agonistica. «Gli infortuni non mi hanno dato tregua – spiega – sono stata operata quattro volte, ma ora il mio ginocchio destro non riuscirebbe a sopportare un’altra operazione, il mio fisico è al limite. Non era il caso di continuare». Sei anni di squadra nazionale non consecutivi, un undicesimo posto nel gigante di Valtournenche come miglior risultato in Coppa Europa. E l’esordio in Coppa del Mondo nel gigante di Kronplatz del gennaio 2018. Che le ha regalato ricordi indelebili: «Sentire il calore dei tifosi, tagliare il traguardo e sentire il calore dei presenti è stato un qualcosa che mi ricorderò per sempre». In questa vita da sciatrice ha stretto legami, fatto conoscenze, stretto rapporti di amicizia con colleghi, allenatori e addetti ai lavori. «Ho vissuto bene l’ambiente». Jasmine Fiorano lascia a fatica, ma con il cuore un po’ più leggero perché, dice: «Ho comunque fatto una gara di Coppa del Mondo, realizzando un sogno che hanno tutti. Nonostante le sfortune ci sono arrivata». 

IL FUTURO – Jasmine Fiorano rimarrà in Esercito, gruppo militare che le darà la possibilità di frequentare il corso maestri sci in Valle D’Aosta. «Mi piacerebbe allenare ma i più piccoli: vorrei trasmettere loro la passione. E poi vorrei diventare Istruttore Nazionale». 

In bocca lupo Jas!

Altre news

Linea di continuità nelle squadre femminili azzurre

Pronte le squadre azzurre femminili. Tutto confermato per quanto riguarda il gruppo élite con quattro atlete, Marta Bassino, Federica Brignone, Elena Curtoni e Sofia Goggia, quattro tecnici di riferimento, Daniele Simoncelli, Davide Brignone, Paolo Stefanini e Luca Agazzi, sotto...

Ecco le squadre maschili. Rimane Innerhofer ma Gross da ottobre. Sale Talacci, scende Barbera

Ecco le squadre maschili di sci alpino per la stagione 2024-2025 agli ordini del direttore tecnico Max Carca. Christof Innerhofer doveva essere escluso considerate le prime riunioni, poi alla fine è stato inserito ancora nel gruppo Coppa del Mondo....

Il 20 luglio a Razzolo di Villa Minozzo sarà grande festa per Razzoli

La grande festa per l'addio alle gare di Giuliano Razzoli è fissata a Villa Minozzo, nel natale Appennino reggiano, in frazione Razzolo sabato 20 luglio. Sarà l'addio ufficiale alla magica carriera dello slalomista emiliano, oro a Vancouver nel 2010,...

Grazie Razzo, è stato un lungo ed inimitabile viaggio

Oggi è arrivata la notizia ufficiale, da settimane nell'aria: Giuliano Razzoli ha detto basta. L'olimpionico del 2010 (suo due stagioni fa l'ultimo podio della squadra azzurra in slalom in Coppa del Mondo) lascia l'agonismo e noi vi riproponiamo l'editoriale di aprile...