Fill-Jansrud, tutto in una discesa. Ad Aspen, alle 16,30, l’assalto alla coppetta di specialità

Tutto in una discesa, tutto in poco più di un minuto e mezzo di gara. È il giorno della discesa libera di Aspen che vale una stagione e che vedrà protagonisti l’azzurro Peter Fill e il norvegese Kjetil Jansrud. A distanza di un anno il carabiniere di Castelrotto è di nuovo in lotta per la prestigiosa coppetta, vinta nel 2016 alle finali di St. Moritz. Sarà una sfida sul filo dei punti, con Fill che ha 33 punti in meno di Jansrud. Sarà una gara nella gara, dove è vietato sbagliare. Il discesista azzurro non è così preoccupato e ossessionato dal risultato. «Comunque vada a finire sarà una stagione positiva, domani (oggi, ndr) proverò a ottenere qualcosa in più».

Kjetil Jansrud ©Agence Zoom
Kjetil Jansrud ©Agence Zoom

LE PROVE – Nelle prove il carabiniere è andato forte, in entrambe le giornate. Non si può certo dire la stessa cosa del norvegese Jansrud, sempre indietro. Fatica ad adattarsi al pendio? Tattica? Non si sa, i conti si faranno alla fine e tutto dipenderà non solo dalla discesa di Fill, che dovrà essere quasi perfetta per cercare i punti fondamentali per passare l’avversario, ma anche da quella di Jansrud. «Sono state due giornate positive, con condizioni non facili perché fa abbastanza caldo e gli organizzatori saranno costretti a salare, fino a ora non era stato necessario – continua Fill -. Penso di essere pronto per la gara, provo a dare il massimo, conscio che non basterà solamente fare un bel risultato ma occorrerà anche aspettare il risultato di Jansrud».

 

Il podio della discesa norvegese ©Agence Zoom
Il podio della discesa norvegese ©Agence Zoom

DOMINIK PARIS – Non si è mai visto tra i primi Dominik Paris che ha chiuso fuori dai migliori dieci in entrambe le giornate. «Nella prima prova mi sono limitato a studiare la pista, oggi (ieri, ndr) ho sciato un po’ meglio – racconta il gigante della Val d’Ultimo -. Non mi sembra male come pista e nemmeno tanto facile, ci sono un po’ di curve e porte nascoste dove bisogna prendere una buona linea per portare via velocità. Vediamo cosa riesco a fare, spero di scegliere le linee migliori, i distacchi saranno molto limitati, chi sbaglia meno vincerà».

Dominik Paris ©FISI/Pentaphoto
Dominik Paris ©FISI/Pentaphoto

DIRETTA TV – L’entusiasmante discesa libera che assegnerà la coppetta partirà alle 16,30 (ora italiana) e sarà trasmessa in diretta da RaiSport ed Eurosport. Dominik Paris partirà con il pettorale 1, Peter Fill con il 3, Kjetil Jansrud con il 5.

START LIST

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...