Gravissimo incidente con un ultraleggero

L’incidente in cui ha perso la vita Giampaolo Vincenzi, figura di spicco nel mondo dei master veronesi, è avvenuto nella giornata di ieri nella Bassa Veronese; l’ultraleggero, pilotato dall’imprenditore del fotovoltaico Adelino Turco, a bordo del quale si trovava anche Vincenzi, era decollato dall’aviosuperficie di San Pietro di Morubio e si è schiantato su un capannone a Roverchiara.

La tragedia parrebbe essere stata originata dalla fitta nebbia che incombeva sulla zona al momento del decollo e che avrebbe causato l’urto contro un cavo elettrico; il velivolo si sarebbe immediatamente incendiato e sarebbe precipitato.

Vincenzi, per gli amici ‘Cencio’, dentista affermato e padre di due figli, faceva parte del gruppo di Master allenati da Luca Bertagnolli; durante la scorsa stagione non aveva potuto partecipare alle gare di sci a causa di un intervento alla spalla.

Cencio, vincitore di due edizioni della Coppa Italia Master e terzo classificato nel SuperG di Coppa del Mondo in Francia nel 2011, era stato intervistato dal nostro Niccolò Zarattini in occasione del servizio su ‘I Berta Boys’ e aveva partecipato in qualità di testatore per la categoria Master ai test di Pampeago del 2011 per Race Ski Magazine.

Proprio dalla fantasia e dalla creatività di Vincenzo era nata l’idea di uno stemma per le giacche dei Berta Boys: K.K.K., che sta per Kativ Kome un Koala, una delle tante ‘trovate’ di Cencio.

Le più sentite condoglianze della Redazione di Race vanno alla sua famiglia e ai suoi amici.