Dressen fulmina Feuz e trionfa sulla Streif. Buzzi undicesimo, i big azzurri deludono

E’ come fosse un Mondiale, una Olimpiade. La Streif di Kitzbuehel è un appuntamento clou della stagione agonistica. Ci sono gare e gare, in particolare in discesa. C’è il Lauberhorn, c’è la Stelvio (grande pista ma cornice inesistente rispetto alle altre grandi manifestazioni) e poi la leggendaria Streif. E vista la portata della manfestazione e considerato, soprattutto, la solidità e la forza dei nostri big, il risultato odierno di Kitzbuehel è deludente per le nostre tre punte di diamante. Il due volte medagliato olimpico Christof Innerhofer deraglia in volo e si schianta, senza conseguenze per fortuna. Peter Fill, già vittorioso due anni fa qua e tre Coppe del Mondo in bacheca, termina nono. Dominik Paris, che a Kitz ha vinto due volte la libera, è dodicesimo. Non basta. Manca ancora la discesa di Garmisch fra una settimana prima delle gare veloci coreane olimpiche, ma la concorrenza è davvero spietata.

BUZZI GRAFFIA FINALMENTE – Ma se i big tribolano, una grande notizia arriva da Emanuele Buzzi. Il ’94 di Sappada coglie il miglior risultato in Coppa del Mondo. Buzzi, al via con il numero 44, termina a 1.45 dalla testa della classifica. Dopo aver chiuso a ridosso dei top 20 a Wengen, arriva un altro passo in avanti considerevole. Da applausi davvero. E’ nata una stella? Intanto Matteo Marsaglia chiude ventiquattresimo, invece Mattia Casse e Werner Heel fuori dai top trenta.

GUARDA LA CLASSIFICA DELLA DH DI KITZ 

Saalbach
Emanuele Buzzi

DREESEN DA PAURA – Oggi La Streif ci regala una favola straordinaria: trionfa sulle nevi tirolesi il tedesco Thomas Dressen. Una gara pazzesca, sempre all’attacco. Solido, su due binari: sicuro alla Mausfalle, abile nella Steilang, scorrevole a far andare gli sci sulla Stradina, deciso sull’Hausberg, raccolto sullo Zielschuss: Dressen coglie la prima vittoria, secondo podio, e lo fa nel tempio dello sci ossia l’antologico Hahnenkamm-Rennen giunto all’ edizione 78, Dressen è figlio di una squadra che cresce e che si gode anche il sesto posto di Andreas Sander.

Thomas Dressen esulta a Kitz @Agence Zoom

BEFFATO FEUZ – Dressen beffa il vincitore di Wengen, lo svizzero Beat Feuz, attardato di soli due decimi, comunque sempre fra i primi della classe e uno dei candidati per la vittoria olimpica. Sul gradino più basso del podio l’austriaco Hannes Reichelt a 41 e ancora Austria a 46 centesimi al quarto posto con Vincent Kriechmayr. Austriaci sempre competitivi, ma manca ancora qualcosa per primeggiare davvero. Grande Marc Gisin: è quinto lo svizzero, a 68 centesimi da Dressen. Domani intanto a Kitz sulla pista Gaslern c’è lo slalom, il settimo della stagione: gli azzurri sono in cerca di riscatto e del primo podio della stagione nelle discipline tecniche.

Beat Feuz sulla Streif ©Agence Zoom

Altre news

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...

Coppa Europa: azzurri in cerca del difficile a Peer. Il 26 partenza per l’Argentina

I pulmini della Fisi nel parcheggio di Peer andavano e venivano. Anche perché insieme alla C maschile, c’erano anche i ragazzi della B maschile. Lo skidome belga - che nel periodo estivo è aperto solo alle squadre e non...

L’ultima stagione in Coppa del Mondo di Lake Louise

Quelle di quest’anno saranno le ultime gare a Lake Louise. Dalla prossima stagione la località canadese non sarà più inserita nei calendari di Coppa del Mondo. La notizia arriva da oltreoceano ed è già stata ripresa anche da diversi...