Domme sul podio in superG tre anni dopo Lake Louise: «Non pensavo di riuscirci, fiducia per i Mondiali»

La stagione di Dominik Paris è iniziata tra le difficoltà, lo si aspettava a Bormio, lo si aspettava a Kitz, alla fine è ritornato a Cortina d’Ampezzo. Dove fino a una decina di giorni fa nessuna pensava di andarci a gareggiare. Invece su un pista nuova per il settore maschile, il jet della Val d’Ultimo batte il colpo che in tanti si aspettavano. Lui in primis, che  ha dovuto lottare, che si è trovato a rincorrere, che ha salutato l’amico Beat Feuz ormai ex-sciatore al termine della discesa di Kitz. Domme ritrova se stesso e lo fa a una settimana dall’inizio dei Campionati Mondiali, l’appuntamento più importante della stagione.

Era l’uomo più atteso in casa azzurra, invece è stato quello che ha fatto più fatica, mentre giorno dopo giorno cresceva la squadra. Quella di Galli con Mattia Casse e Florian Schieder. Domme aveva già lanciato un segnale nel superG di ieri, prima del grande errore. Oggi invece è riuscito a concretizzare il risultato, con una manche convincente, corsa all’attacco e non in difesa. E con le giuste linee, non scontato viste le tante uscite e ancor di più il pettorale 1 indossato oggi da Paris.

Dominik Paris ©Agence Zoom

Finalmente sorride nella finish area: «Non pensavo di riuscire ancora a salire sul podio in questa stagione – dice – questo risultato mi dà fiducia. Non è stato facile, nonostante il superG del giorno precedente mi avesse dato qualche informazione in più sulla pista. Ho provato a dare il meglio con il numero 1, non mi sarei aspettato di andare così bene». Con l’1 non ha avuto informazioni degli avversari, ed è stato bravo ad affrontare anche i passaggi più insidiosi. «Con qualche informazione in più, avrei spinto di più e con maggiore coraggio, ma stamattina ho capito bene come affrontarlo dopo una bella ricognizione».

Dominik Paris non saliva sul podio di un superG dal dicembre del 2019, a Lake Louise. Un risultato che considera importante. Ieri aveva parlato di miglioramenti, inutili se non concretizzati. Oggi invece è riuscito a portare in fondo una manche di livello: «Ero in crescita nelle ultime settimane ed ero veloce sugli sci – racconta – Però sbagliavo sempre ed era diventato difficile, non capendo cosa dovessi fare o cambiare. Oggi ho provato a essere nuovamente solido, cercando di fare il mio meglio ed è andata molto bene».

E ora ci sono i Campionati Mondiali, su una pista che apprezza. «Vado ai Mondiali sicuramente con molta più fiducia: ci sarà una pista interessante». E allora ecco il ritorno di Domme, nel momento più importante della stagione.

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...