Tutto pronto per la discesa femminile di domani a Rosa Khutor. Il programma di gara è confermato alle 11.00 (ore 8.00 italiane) e a prendere il via per prima sarà la svizzera Fabienne Suter. Le italiane hanno pescato il 9 (Merighetti), l’11 (Elena Fanchini), il 23 (Verena Stuffer), il 30 Nadia Fanchini. Le big: Mancuso con il 12, Weirather con il 16, Gut con il 18, Goergl con il 19, Hoefl-Riesch con il 20, Maze con il 21 e Fenninger con il 22.

INCOGNITA METEO – Temperature più alte oggi a Rosa Khutor e un po’ di apprensione per le gare dei prossimi giorni. Per domani però il meteo ufficiale prevede circa 3 gradi e sole all’ora della gara, con un’umidità del 53% e vento a un metro secondo.

WEIRATHER GAME OVER – Tina Weirather ha dovuto rinunciare proprio questa sera, nonostante le sia stato assegnato il pettorale 16. La botta rimediata alla gamba destra, con contusione ossea, è più grave del previsto. C’è ancora qualche timida speranza per il superG ma sarà difficile che TIna ce la faccia.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));


LE FAVORITE –
Fenninger e Gut sulla carta sono le favorite, però nelle ultime ore sono salite le azioni di Maria Hoefl-Riesch, già comunque tra le favoritissime, in forma e vincitrice della supercombinata, e di Julia Mancuso, la più veloce nella manche di velocità. Tina Maze potrebbe dire la sua, arrabbiata per la medaglia di legno della supercombi e galvanizzata dal nuovo allenatore. Occhio alle outsider Kling, Sejersted ma anche a Kauffmann-Abderhalden, mentre la Goergl, che su questa pista aveva ben figurato nelle preolimpiche di due anni fa, non sembra avere il giusto feeling. Ma solo la gara potrà dire chi metterà al collo le tre medaglie.

AZZURRE – Sulla carta Verena Stuffer è in uno dei migliori momenti di forma e in prova ha mostrato di gradire la pista, però Nadia Fanchini (Schladming docet) è sempre una fuoriclasse e su un tracciato tecnico molto potrebbe costruire un capolavoro. Daniela Merighetti si è ripresa dall’infortunio e sta bene, mentre sembrano poche le chances per Elena Fanchini visto il tipo di pista.