Didier Cuche, signore della Streif

Cade l'azzurro Klotz, trasportato in ospedale in elicottero

C’è un rapporto speciale tra le grandi piste e i grandi campioni. Sulla Streif, oggi in condizioni strepitose, dura, difficile, veloce, Cuche ha scavato un solco tra sé e tutti gli avversari. Quando è partito Didier, c’era Bode Miller nel leader corner, un Bode che da tempo dichiarava di voler vincere a tutti i costi su questa pista, che era stato il più veloce di tutti disegnando traiettorie perfette in tutti i settori. Ma non c’è stato nulla da fare: la neve ghiacciata ha esaltato le capacità dello svizzero, che ha azzeccato una di quelle discese impeccabili, tipo il superG di Val d’Isère dei Mondiali di due anni fa: quando entra in questo ‘mood’ diventa imbattibile. Si è visto già il passaggio alla Mausefalle, dove è volato lunghissimo senza neppure togliere la posizione a uovo. Poi è stato un crescendo continuo, una progressione che l’ha portato a sfrecciare sullo Zielschusse a quasi 140 km/h. Nessuno si è accorto che Didier era il ‘vecchietto’ del gruppo, il più anziano dei concorrenti al via. Gli austriaci hanno applaudito, non troppo entusiasti, ma pur sempre sportivi. Aspettavano Walchhofer, ma il beniamino di casa l’ha combinata grossa, perdendo il controllo degli sci all’uscita della stradina, in uno dei punti più facili della pista. Doppia amarezza per il pubblico di casa, perché quando ormai pregustavano la consolazione del terzo posto di Mario Scheiber, è piombato sul traguardo il francese Adrien Theaux, che si è inserito al terzo posto. I nostri bene: Peter Fill quinto, Christof Innerhofer sesto e Werner Heel settimo. Manca qualcosa per il podio e per la vittoria, ma la prestazione odierna è sicuramente positiva. La brutta notizia, purtroppo, viene da Siegmar Klotz: il forestale altoatesino è ‘decollato’ sul traverso finale, perdendo il controllo degli sci. Ha battuto violentemente la schiena sulla neve, fortunatamente non la testa, ed è scivolato nelle reti. La gara è stata interrotta e ‘Sigi’ è stato caricato in elicottero. A breve vi aggiorneremo sulle sue condizioni.

Altre news

Goggia di nuovo sugli sci: «È stata durissima e non sarà facile»

Dopo quattro mesi di sofferenza, duro lavoro e fisioterapia, Sofia Goggia ha rimesso gli sci ai piedi. «È stata durissima e non sarà facile» scrive la bergamasca, che sta lottando contro l'ennesimo infortunio della carriera. Sci da slalom ai...

Tra piste in ghiacciaio e di atletica, tanti azzurri in raduno

Tra mare e montagna, tra piste da sci ancora in condizioni invernali e piste di atletica che iniziano a essere roventi. Entra nel vivo la preparazione delle Nazionali italiane, che da quasi un mese hanno ripreso ad allenarsi, in...

Già in vendita i biglietti per i Mondiali di Saalbach

Messe in archivio le finali di Coppa del Mondo, a Saalbach si pensa ai prossimi campionati del mondo che andranno in scena dal 4 al 16 febbraio 2025, mettendo già in vendita i biglietti per la rassegna iridata. First...

Grande festa di chiusura per il Comitato Alto Adige

Tempo di festa, visti anche i risultati, per la tradizionale chiusura stagionale del Comitato Alto Adige. Qualche numero: nello scorso inverno in programma una decina di eventi di Coppa del Mondo; le atlete e gli atleti hanno ottenuto una...