Crescita, costanza e spensieratezza: Della Vite fa un altro passo avanti

ALTA BADIA – Filippo Della Vite gira spensierato in zona mista, sorride ed è felice. Ha l’atteggiamento dei millenials, di Lucas Braathen e degli altri. Ha sempre il sorriso, ancor di più quando completa quattro manche di livello sulla Gran Risa, tosta e impegnativa, ed entra per due volte nella top 30. Dimostra maturità, dimostra soprattutto determinazione e voglia di fare. E cresce, giorno dopo giorno, scalando le classifiche e avvicinandosi al primo gruppo. Un piacevole segnale, tocca a lui salvare l’Italia, ma non è certo lui che deve sobbarcarsi di responsabilità. Lui sta facendo il suo percorso, lo sta facendo anche bene e ha un solo compito: proseguire così, sempre spensierato e sorridente, ma concentrato. Consapevole di essere un giovane di belle speranze e di essere il più costante nell’attuale Italia del gigante.

«Un’altra bella gara – racconta in zona mista – Sono stato autore di una seconda manche solida, ho fatto punti importanti per partire meglio ad Adelboden, con la speranza di fare subito una bella prima manche, per stare più vicino ai migliori. Oggi è stata una bella faticaccia, quattro manches su questa pista in due giorni sono una cosa tosta». 

È l’unica luce del gigante azzurro, che fa fatica, a iniziare da Luca De Aliprandini che è entrato in un tunnel buio che sembra essere senza uscita. Tre out in quattro giganti, nessuna dichiarazione ai cronisti presenti. Parla con i suoi uomini, prende gli sci ed esce dalla zona mista. A differenza invece di Lucas Braathen, che ieri ha vinto, oggi è uscito ma si è fermato a parlare con tutti, è andato in camera a cambiarsi ed è ritornato con i jeans a guardarsi la seconda manche e a scattare una foto con Marcel Hirscher. 

Altre news

È uscito Race ski magazine 176, incentrato sui grandi eventi giovanili di fine stagione

La stagione agonistica 2023/2024 è in archivio, ormai tutti i circuiti si sono chiusi, anche se qualche atleta, soprattutto di alto livello, è ancora in pista per sfruttare le condizioni, testare materiale e affinare il gesto tecnico. Com’è andata...

Kitzbühel e Sestiere, EA7 Winter Tour a tutta

Il viaggio continuo, che entusiasmo EA7 Winter Tour: dappertutto, ovunque. Da appiausi per gestione, organizzazione, offerta. E sulle Alpi non poteva mancare la tappa mitica in Austria  a Kitzbuehel. Posizionati in area Sonnenrast, l’igloo EA7 ed il gatto delle...

Zermatt chiude alle Nazionali, ma a rimetterci veramente solo gli svizzeri

Ci avete tolto la Coppa del Mondo, bene non daremo la possibilità di allenarvi in ghiacciaio. Questa in estrema sintesi la decisione del direttivo della Zermatt Bergbahnen. Nella prossima estate solo le squadre di sci d’élite, insomma le Nazionali,...

Calendari di Coppa del Mondo, a che punto siamo?

Sui calendari di Coppa del Mondo tanto si è detto in queste ultime stagioni. Dalle lettere aperte degli atleti, sino alla recente proposta (Change the Course) della federazione norvegese di dividere la stagioni in blocchi geografici, spostando l’avvio della...