Pronti, via. Ore 8.30 primo cancelletto aperto per lo slalom che chiude i Campionati Italiani Allievi. Allo Zoncolan è forse la giornata più calda, ma solo la seconda manche viene salata. Nella prima run sono moltissimi gli atleti non arrivati, tanti si sono bloccati tra la prima tripla e la doppia disegnate in sequenza. Jacopo Claudani era primo a metà gara e si è confermato: l’atleta del Val Palot si è messo al collo la medaglia d’oro, vincendo in modo netto lo slalom. Ha chiuso in 1’22”17 e lasciato a 90/100 Gabriele Lenuzza dell’Orobie Ski Team, settimo dopo la prima frazione e autore di un bel recupero. Rimonta ancora più significativa per Matteo Vaglio (Crammont) che dal decimo posto di metà gara si è preso la medaglia di bronzo, grazie al miglior tempo di manche che è identico a quello del vincitore. 1’23”36 il suo tempo, due decimi più basso di quello di Edoardo Simonelli (Les Arnauds) che esce dal podio dopo il terzo crono provvisorio. Quinto Tomas Deambrogio del Sauze d’Oulx.

La gara femminile è stata vinta ancora una volta da Lara Colturi (Golden Team Ceccarelli), la grande protagonista di questi Campionati Italiani, l’unica che ha vinto tutti e tre i titoli (quattro, con quello di combinata). La piemontese si è aggiudicata l’oro con quasi due secondi di vantaggio nei confronti della valdostana Tatum Bieler (Gressoney Monte Rosa), con terzo gradino del podio per Sofia Parravicini dello sci club Lecco. Quarto posto per Ludovica Righi dell’Edelweiss e quinto per Giorgia Collomb del La Thuile.

Il podio del superG Ragazzi maschile

Nel segno dell’Alto Adige il superG Ragazzi che si è svolto sulla pista Zoncolan Uno. La medaglia d’oro e quella di bronzo sono infatti state vinte dal dominatore David Castlunger del Ladinia Alta Badia e da Alex Silbernagl del Seiser Alm, il primo con il tempo di 58”57 e il secondo con il crono di 1’00”19. Luigi Attanasio del Settecolli (Comitato Campano) è ancora protagonista e chiude d’argento, in 59”92. Quarto posto per Andrea Stipcovich (Cai XXX Ottobre) e Fabio Ferraris (Ossola Ski Team).

Marta Giaretta

Marta Giaretta del Falconeri Ski Team ha invece dominato la gara femminile, coprendo i 31 cambi di direzione, posati da Alexander Prosch, con il crono di 1’00”84. Ancora la Campania a tingersi d’argento, grazie alla sciata di Semire Dauti dell’Aremogna, all’arrivo in 1’01”63, due centesimi più veloce della valdostana Anais Lustrissy (Crammont Mont Blanc) che ha conquistato la medaglia di bronzo. Quarto e quinto posto per l’Alto Adige: Nadine Trocker (Seiser Alm) e Victoria Klotz (Ritten Sport).