Cervinia-Zermatt: in basso manca neve e domenica è previsto lo snow control

Se a Soelden ieri la Fis ha dato esito positivo al controllo neve («Li ha nevicato di più, hanno fatto un gran lavoro e abbiamo preservato il terreno senza far allenare atleti» – ci ha riferito Markus Waldner), a Cervinia-Zermatt non si dormono sonni tranquilli. È corsa contro il tempo per preparare la pista del primo Speed Opening. Fa caldo, non nevica e nella parte finale non c’è neve. Le temperature non consentono neppure di far funzionare a pieno regime l’impianto di innevamento programmato. 

Domenica è previsto il controllo neve, che però potrebbe anche slittare di qualche giorno, se le previsioni meteo lasceranno intravedere qualche possibilità in più. In pista sono attesi Hannes Trinkl, Raimund Plancker e Alberto Senigagliesi, questi ultimi due tecnici entrati proprio quest’anno nello staff della Fis, dopo aver rispettivamente seguito Italia e Francia. 

«Serve neve, altrimenti niente gare a fine mese» ha detto al Blick, già la scorsa settimana, Hannes Trinkl. Franz Julen ha aggiunto poche ore fa: «Servono tre, quattro notti di freddo». Non troppa convinzione in casa Italia, durante il consueto media day della Fisi, lunedì scorso a Milano. 

In mezzo a ipotesi ed eventuali decisioni di posticipo, c’è il consueto ingorgo di calendari e logistica: i cargo verso il Nordamerica sarebbero pronti a partire già il 3 novembre. Quale sarà la decisione della prima gara transfrontaliera della Coppa del Mondo di sci alpino? Subito dopo Soelden i maschi dovrebbero correre a Cervinia-Zermatt: prima prova già mercoledì 26, gare il 29 e 30. 

Intanto gli azzurri – così come tante altre nazionali – si stanno allenando sulle piste del ghiacciaio. In pista ci sono Dominik Paris, Christof Innerhofer, Florian Schieder, Pietro Zazzi, Nicolò Molteni, Matteo Marsaglia, Guglielmo Bosca, Emanuele Buzzi, Mattia Casse, Federico Simoni e Matteo Franzoso. Gli atleti saranno sotto la supervisione dei tecnici Lorenzo Galli, Patrick Staudacher, Alberto Ghidoni, Michael Gufler, Christian Corradino, Adam Peraudo, Eros Belingheri, Marta Irvin, Einar Prucker, Davide Verga, Luis Kuppelwieser, Valter Roncon e Stefano Canavese.

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...