Carlo Janka, grande prima manche

Terzo Max Blardone, sesto Moelgg con una mano gonfia

Finalmente il sole a Val d’Isère. La prima manche del gigante incorona Carlo Janka, pettorale 2: è sceso preciso e determinato. Piazza d’onore per Benjamin Raich, guarda caso anche lui Atomic (lo sci, a detta dei lavori più performante su questa pista), terzo Massimiliano Blardone, a quasi un secondo. Aveva imprecato ieri sera per il numero di partenza, oggi sembrava lontano, invece è lì. Ed è lì anche Manfred Moelgg. E’ caduto in riscaldamento, ha preso una bella botta alla mano (che è anche gonfiata), ma è sesto, anche se ad oltre un secondo: «La parte iniziale è stata difficile da interpretare, a tratti veloce e poi con bruschi cambi. Lì Janka ha fatto la differenza. La mano? Nessun problema particolare, speriamo non mi dia fastidio in slalom». Gara parallela dei due azzurri nella top ten, mezzo secondo al primo intermedio, 80 al secondo, poi Max ha mollato benissimo nel finale. Bravo Ploner, undicesimo; quattordicesimo Davide Simoncelli. Alle 13.30 la seconda manche, traccia Matteo Guadagnini.

Altre news

Settembre, mese di elezioni nei Comitati regionali. Nuova assemblea in FVG?

Un mese intenso per le elezioni del rinnovo dei consigli regionali della Fisi. Il 3 settembre si apre a Milano (all’Auditorium Testori del Palazzo Regione Lombardia) e a Roma (nel Palazzo delle Federazioni Sportive) con le assemblee elettive di...

Uk Sport taglia i fondi, gli inglesi della neve tremano e Ryding lancia un crowdfunding

Quale futuro per gli sport invernali britannici? Non roseo, come ha comunicato la stessa GB Snowboard (Federazione) ai suoi atleti. Sci alpino, fondo e nordico paralimpico non sarebbero più ritenuti idonei, dalla UK Sport, per ricevere i finanziamenti del...

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...