Carlo Janka, grande prima manche

Terzo Max Blardone, sesto Moelgg con una mano gonfia

Finalmente il sole a Val d’Isère. La prima manche del gigante incorona Carlo Janka, pettorale 2: è sceso preciso e determinato. Piazza d’onore per Benjamin Raich, guarda caso anche lui Atomic (lo sci, a detta dei lavori più performante su questa pista), terzo Massimiliano Blardone, a quasi un secondo. Aveva imprecato ieri sera per il numero di partenza, oggi sembrava lontano, invece è lì. Ed è lì anche Manfred Moelgg. E’ caduto in riscaldamento, ha preso una bella botta alla mano (che è anche gonfiata), ma è sesto, anche se ad oltre un secondo: «La parte iniziale è stata difficile da interpretare, a tratti veloce e poi con bruschi cambi. Lì Janka ha fatto la differenza. La mano? Nessun problema particolare, speriamo non mi dia fastidio in slalom». Gara parallela dei due azzurri nella top ten, mezzo secondo al primo intermedio, 80 al secondo, poi Max ha mollato benissimo nel finale. Bravo Ploner, undicesimo; quattordicesimo Davide Simoncelli. Alle 13.30 la seconda manche, traccia Matteo Guadagnini.

Altre news

La Val Gardena cala il tris e recupera la discesa di Beaver Creek

La prossima settimana la Coppa del Mondo maschile farà tappa in Val Gardena, località che quest'anno cala il tris perché la Fis ha deciso di assegnare al comitato Saslong Classic il recupero della discesa cancellata qualche giorno fa a...

Arriva Race ski magazine 169 di dicembre

È arrivata la neve, le località aprono e l’inverno entra nel vivo. Ormai ci sarà una gara dietro l’altra fino al termine della stagione, dalla Coppa del Mondo alla Coppa Europa, passando per moltissimi eventi giovanili e i Campionati...

Il Collegio di Garanzia del Coni legittima definitivamente Roda presidente Fisi

Il Collegio di Garanzia del Coni si è nuovamente espresso in materia di eleggibilità del presidente della Federazione Italiana Sport Invernali Flavio Roda. In precedenza c’erano stati passaggi degli organi giudiziari Fisi e successivamente da parte proprio del Collegio...

Agazzi: «Goggia scia più sui piedi e così è maggiormente scorrevole»

Che esordio per Luca Agazzi. Pronti via una doppietta straordinaria con la sua Sofia Goggia E si, perchè da quest'anno il trio delle meraviglie (Goggia - Brignone - Bassino) può avvalersi di un tecnico di fiducia personale con la coordinazione...