Cala il sipario sul Top 50: per i Children le prime sfide sulle piste di Pila

Sette vincitori per otto gare, segno di grande equilibrio in questa seconda edizione del Top 50. Lo spirito, testimoniato nelle parole di molti tecnici, è quello di aprire la stagione con una gara di livello per capire la condizione di chi ha deciso di puntare di più sull’agonismo. Livello sempre più alto con la presenza di tanti atleti in arrivo dai comitati francesi più rappresentativi (Savoia e Mont Blanc), dal Vallese svizzero, oltre a quelli che seguono il progetto dell’Apex2100 International Ski Academy. Un ulteriore passo per far crescere ancora di più il Top 50, evento ideato lo scorso anno dalla nostra rivista e dallo sci club Aosta, e che ha trovato il sostegno di partner come Podhio-PDH, Atomic e Liski Sport Equipment.

©Pierre Lucianaz

L’opening di Pila ha emesso i primi verdetti, due gare che hanno anche assegnato i primi punti del circuito Race Future Club by Fisi.
C’è stata una sola doppietta, quella di Carlotta Pedrolini, nelle Ragazze. «È andata forte – ci ha detto Erik Caspani, tecnico dello Skiing – siamo contenti, ma siamo solo all’inizio. E sappiamo che le altre ragazze saranno pronte a correre». E in questa categoria tante primo anno (Cecilia Sessarego Catalisano del Val Palot, Alyssa Borroni del Crammont, Benedetta Rosa Ranieri del Limone e Ludovica Vottero del Sansicario, per esempio) sembrano davvero non aver accusato il colpo e sono pronte a crescere nel resto della stagione.

©Pierre Lucianaz

Passando ai Ragazzi, dal Top 50 i protagonisti sono stati Michele Vivalda dell’Equipe Limone e Leonardo D’Incà del Trichiana che si sono scambiati le prime due posizioni, ma c’è da sottolineare la grande continuità anche di Riccardo Depetris Pollini dell’Ossola Ski Team. E qui i 2009 hanno fatto valere l’anno in più in questa categoria.

©Pierre Lucianaz

Nelle Allieve il nome vincente è quello di Camilla Gottardi: la trentina del Monti Pallidi è stata l’unica a salire due volte sul podio: terza in gigante e poi prima in slalom. C’è stato un grande rimescolamento da una gara all’altra: Marta Giaretta del Falconeri, per esempio, ha vinto il gigante e ha commesso un grave errore nella prima manche dello slalom. Ma i nomi più ricorrenti sono quelli di Alessandra Di Sabatino dell’Eur, Anaïs Lustrissy del Crammont e Hannah Steinmair del Kronplatz senza dimenticare alcune 2008, in primis Anna Trocker del Seiser Alm Ski Team o Arianna Putzer del Gardena. Insomma la sfida sembra apertissima.

©Pierre Lucianaz

Come negli Allievi, in fondo. Alex Silbernagl del Seiser Alm Ski Team ha dominato lo slalom ed è arrivato ad un passo dal podio in gigante. Era il più atteso ed è stato il più costante. Insieme a Riccardo Parini dell’Aosta, due volte nella top ten. Andrea Passino del Cimone Ski Team e Luigi Attanasio del Settecolli, sul podio in gigante sono usciti in slalom, Lorenzo Cuzzupè dell’Equipe Pragelato, bronzo in slalom, ha compromesso la gara del gigante, sbagliando nella seconda anche. Senza dimenticare il badiota David Castlunger, caduto in gigante e poi costretto a dare forfait per lo slalom. Ma tanti altri sono sembrati pronti per una stagione di livello, forse più i 2007 che i 2008.

©Pierre Lucianaz

Chiuse le gare tempo di premiazioni sul campo, compresa quella per società vinta dal Crammont Mont Blanc davanti ai Seiser Alm Ski Team e al Sestriere. La sfida per il prossimo Memorial Fosson è partita…

©Pierre Lucianaz

Altre news

Se ne è andata Elena Fanchini

È morta Elena Fanchini, ex sciatrice che lottava contro un tumore, 37 anni. Era malata da tempo e Sofia Goggia le aveva dedicato la vittoria della discesa di Cortina d'Ampezzo. A gennaio del 2018 aveva annunciato che avrebbe lasciato lo...

Marta superGigante: «Una vittoria di peso, ho studiato la discesa di Vonn alle Finali 2015»

Isolde Kostner oro a Sestriere nel 1997, Marta Bassino oro a Méribel nel 2023. Ventisei anni dopo l’Italia torna sul gradino più alto del podio nel superG, una disciplina che la cuneese ha sempre fatto, ma che ultimamente le...

Kilde precede Innerhofer nella prima prova della discesa di Courchevel

Aleksander Aamodt Kilde ha realizzato il miglior tempo nella prima prova cronometrata della discesa maschile di Courchevel. Il norvegese ha impiegato 1’48”81 per affrontare l’Eclypse, affrontando a gran velocità i lunghi curvoni del “Mur du Son”. Christof Innerhofer è stato...

Il capolavoro di Marta – fotogallery

    Che spettacolo, che sciata, che capolavoro! Marta Bassino si prende uno strepitoso oro nel superG dei Campionati Mondiali di Courchevel-Méribel. Una sciata splendida, una prestazione che tiene a 11/100 una certa Mikaela Shiffrin.