Buzzi, unica nota positiva delle tre gare di Kitzbuehel

Hahnenkamm-Rennen, Kitzbuehel: il weekend più atteso da tutto il circo bianco. L’Italia purtroppo non brilla, facciamo fatica ad essere veloci quando conta, nelle prove siamo sempre davanti ma in gara non riusciamo ad essere competitivi con i primissimi della classe. Unica nota positiva arriva da Emanuele Buzzi che finalmente fa vedere di che pasta è fatto e scia come mai in gara quest’anno, raccogliendo il suo miglior risultato proprio nel tempio della velocità. Iniezione di fiducia per Garmisch e soprattutto stacca il biglietto per le Olimpiadi. Aksel Lund Svindal e Kjetil Jansrud si confermano sempre imbattibili in superG ma faticano un po’ in discesa, dove Beat Feuz sogna per un bel pò la doppietta Wengen-Kitz ma arriva un fenomenale Thomas Dressen che mette tutti in riga proprio li dove solo i discesisti con la D maiuscola riescono a vincere. Straordinario, stratosferico il tedesco anche un pochino aiutato dal sole, ma a Kitz non inventi niente, perchè o hai gli attributi per buttarti giù a tutta e rischi oppure sul podio è impensabile salirci!

Thomas Dressen esulta a Kitz @Agence Zoom

SLALOM – Slalom nota dolente per i nostri colori, siamo costantemente rilegati tra la quinta e decima  posizione, però abbiamo atleti in grado di salire sul podio. Peccato, ma quest’anno va così. A questo punto speriamo in una super prestazione alle Olimpiadi. Problemi tecnici? Si. Segnali di ripresa dai giovani che con Tommaso Sala portano a casa dei punticini che fanno morale. Troppo poco. Giornata quasi da segnare sul calendario: finalmente Henrik Kristofferson riesce a battere Marcel Hirscher proprio a casa. Il norvegese è stato di un’altra categoria soprattutto la prima manche dove rifila il distacco a Marcel, che non può far altro che inchinarsi davanti al giovane norvegese. Altra gara molto buona per la squadra svizzera del nostro Matteo Joris che mette sul podio Daniel Yule questa volta e piazza li davanti anche Ramon Zenhäusern. Mancano ancora tre gare prima delle Olimpiadi e per chi vorrà provare a qualificarsi dovrà tirare fuori una grande prestazione a Schladming o a Garmisch. Ormai è tempo di un bilancio della stagione, che per il settore maschile non è positivo anzi….. speriamo che alle Olimpiadi i nostri tirino fuori le prestazioni che hanno nelle gambe e si riscattino alla grande. Io ci credo!

Altre news

Coppa Europa: a Wahlqvist il secondo gigante; 11° Talacci e 12° Franzoni

Undicesimo posto per Simon Talacci e dodicesimo per Giovanni Franzoni nel secondo gigante di Coppa Europa di Pass Thurn. La vittoria è andata al norvegese Jesper Wahlqvist che ha concluso in 1’51″72 e preceduto di 5/100 il tedesco Jonas...

La Coppa Europa femminile arriva a Sarentino, finora fortino dell’Austria

La Coppa Europa questa settimana farà ritorno in Val Sarentino. Giovedì 29 febbraio e venerdì 1° marzo sulla pista Schöneben si svolgeranno due superG femminili. Dalla prima Coppa Europa in Val Sarentino, risalente alla stagione 2004/05, si sono tenuti...

Coppa Europa: Talacci è nono nel gigante di Pass Thurn vinto da Zwischenbrugger

Pass Thurn, località austriaca, è sede di recupero di due giganti maschili di Coppa Europa, in origine previsti in Slovenia, a Maribor. Nella gara odierna nona posizione per Simon Talacci. Il livignasco ha saputo risalire di una posizione nella...

Mowinckel saluta l’agonismo al termine della stagione

Sono le ultime gare della carriera per Ragnhild Mowinckel, che questa mattina ha annunciato l'ormai prossimo ritiro. Finirà la stagione, poi la trentunenne norvegese saluterà il mondo delle gare. Ha trascorso 14 anni nella squadra norvegese, 12 nel circuito...