Federica Brignone ©Agence Zoom

Primo podio stagionale per Federica Brignone che ha corso la seconda manche con il cuore spezzato, dopo aver appreso della morte di Edoardo Camardella, uno dei due freerider finito sotto la valanga di Punta Helbronner, in Valle D’Aosta. « È per Edoardo, il mio pensiero va a lui».

KILLINGTON, USA – NOVEMBER 30: Federica Brignone of Italy takes 2nd place during the Audi FIS Alpine Ski World Cup Women’s Giant Slalom on November 30, 2019 in Killington USA. (Photo by Alexis Boichard/Agence Zoom)

La valdostana ha fatto una seconda manche strepitosa, recuperando dal settimo al secondo posto. «Oggi finalmente sono riuscita a fare tutto in modo deciso, probabilmente era proprio dalla gara di Killington dello scorso anno che non ci riuscivo. Nella prima manche sono scesa correttamente, ma ricamavo invece di attaccare, nella seconda mi sono scatenata, spingendo di cattiveria. Ultimamente sto sciando molto bene, ma in gara non ero ancora riuscita a farlo. È un podio che mi può dare la carica giusta, ci riproverò in slalom, anche se con obiettivi diversi, diciamo che ovviamente punto a entrare nella seconda manche, l’importante stavolta era tirare fuori ciò che possiedo».