Brignone raggiante: «Sto bene, problemi risolti». Goggia felice del lavoro, Finferlo alla ricerca di ulteriori conferme

Il media day della Fisi, organizzato ieri al Teatro Armani di Milano, è stato anche l’occasione per incontrare gli atleti e sentire le sensazioni dopo il lungo periodo di allenamento in Argentina, a pochi giorni dall’avvio della stagione. «Sono molto contenta, un mese abbondante molto proficuo – spiega Sofia Goggia – ho fatto ottimi test visto che al termine della passata stagione non mi ero espressa ad alti livelli. Dopo Soelden non c’è più il buco, si farà subito interessante e già a novembre bisognerà rimanere sul pezzo». 

Focus sul gigante di Soelden invece per Federica Brignone, che ha risolto il problema tendineo che le ha dato noia durante l’estate, impedendole di sciare. Non di lavorare atleticamente ed è lì che si è concentrata fin quando non ha messo il piede sull’aereo ed è volata a Ushuaia con l’incognita sci. Tutto risolto però e la fiducia è grande: «Sto bene e ho un solo obiettivo: continuare a vincere. Questo problema mi ha tirata scema perché non sapevo da che parte iniziare per risolverlo, ma ora sono pronta, anche se non so ancora come arriverò a Soelden». 

Brignone che ha preso la parola subito dopo le novità annunciate dal presidente Fisi Flavio Roda, il ministro Massimo Garavaglia e Manuela Di Centa. «Noi atleti siamo i migliori testimonial della montagna, noi gareggiamo e rappresentiamo il nostro paese, avendo una bella squadra siamo il miglior trampolino di lancio per portare gente sulla neve e farla appassionare al nostro sport». 

Dominik Paris e Nadia Delago hanno lanciato la candidatura della Val Gardena ai Mondiali del 2029. «È la valle più bella del mondo» ha detto il bronzo olimpico, «si cerca di essere veloci anche lì, è pur sempre una gara di Coppa del Mondo» ha invece raccontato Domme, che ha da sempre poco feeling con la Saslong, vuoi per un motivo, vuoi per l’altro.

E poi Luca De Aliprandini, che ha nel mirino i Mondiali e non solo: «Non devo gestire la medaglia di Cortina, mi piacerebbe confermarla. Ho fatto bene in questi ultimi due anni, voglio continuare a crescere. Si riparte comunque da zero ogni stagione e spero nella coppetta». 

Nel pomeriggio sono poi arrivati anche tutti gli altri atleti, per lo shooting tradizionale e per la cena di gala, oggi altra giornata di foto, poi il ritorno sulla neve. La stagione può iniziare per davvero. 

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...