I due sciatori hanno commentato la dichiarazione del ciclista

Sono innocente ma rinuncio a difendermi da questa ‘caccia alle streghe’ per dedicare il tempo alla mia fondazione per la lotta al cancro. Questa, in poche parole, la posizione dell’ex ciclista Lance Armstrong, vincitore di sette Tour de France, che oggi chiude la questione doping con la radiazione a vita dalle gare da parte dell’USADA, l’agenzia statunitense antidoping. Non si sono fatti attendere i commenti di due sciatori statunitensi, Bode Miller e Julia Mancuso, su Twitter. Bode Miller: «Non sono contento di come sia finita la questione, nessuno in quello sport è ‘pulito’ e non ha ingannato nessuno. Se vieni trovato positivo, vieni multato. Fine. Rimane il fatto che è stato un ciclista carismatico e ha lavorato molto per raccogliere fondi per la lotta al cancro. Penso che avrebbe dovuto ammettere cosa faceva, questa la mia sola osservazione. Sarebbe sempre stato il migliore». Julia Mancuso: «Sono una grande fan di Lance, è triste vedere questa fine, sii forte».