Bertagnolli & Casal, che partenza alle Paralimpiadi: bronzo e argento nella velocità

Una discesa di bronzo. Jack e Fabri hanno fatto centro alla prima gara della Paralimpiade di PyeongChang, salendo sul terzo gradino del podio nella prova più adrenalinica. Alle spalle dei canadesi Marcoux-Leitch (1’23″93) e degli slovacchi Krako-Brozman (1’25″35), i due trentini Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal (1’26″46) hanno regalato all’Italia la prima medaglia paralimpica, otto anni dopo Vancouver. Ventunesimo posto, invece, per Davide Bendottinella categoria Standing.

«Non ce l’aspettavamo, perché non è la loro disciplina preferita. Aspettare una medaglia per otto anni è stata un’esasperazione, però tutte le emozioni di oggi coprono le delusioni del passato e premiano il lavoro fatto dagli atleti e dai tecnici – ha commentato la presidente della Fisip, Tiziana Nasi – . Giacomo e Fabrizio sono due giovani da un futuro radioso, non parliamo dei prossimi giorni. Mi ha fatto piacere che sugli spalti ci fossero a tifare le squadre di fondo e snowboard, che hanno potuto prendere ispirazione per le loro gare».

BIS NEL SUPERG – Avevano promesso che avrebbero migliorato il bronzo di ieri e così è stato: nella seconda giornata di gare al Jeongseon Alpine Centre, Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal hanno conquistato la medaglia d’argento nel Super G di categoria visually impaired. I due sciatori trentini hanno fermato il crono sul 1:26.29, ad appena 18 centesimi dai vincitori della gara, gli slovacchi Krako e Brozman (1:26.11). Terza ancora una coppia slovacca, Haraus e Hudik (1:26.66).

Per quanto riguarda gli altri due Azzurri in gara, 28esimo tempo per Davide Bendotti nella categoria standing (1:35.75). Oro allo svizzero Gmur (1:24.83), argento al francese Bauchet(1:26.64), bronzo all’austriaco Salcher (1:27.89).

Nella sitting, uno sfortunato René De Silvestro è uscito di pista. L’azzurro stava facendo registrare ottimi intermedi. La vittoria è andata al canadese Oatway (1:25.83), davanti allo statunitense Kurka (1:26.89) e al francese Francois (1:26.98).

Altre news

Race Future Club, Scolari ai club: «Osserviamo anche gli altri, la scuola italiana non è sempre sinonimo di perfezione»

Si è chiusa a Cortina d'Ampezzo la terza edizione di Race Future Club, l'iniziativa di Race Ski Magazine che premia i migliori Children italiani quest'anno in collaborazione con Fondazione Cortina. Questa volta da 20 atleti il passaggio a 24,...

Race Future Club, Longo ai ragazzi: «Conta vincere, ma siate sempre umili per continuare a crescere»

«Ci tenevamo tanto a ricordare Elena Fanchini e così abbiamo deciso di dedicarle i nostri uffici ed una sala in particolare. Siamo orgogliosi di questo», fa sapere Stefano Longo, presidente di Fondazione Cortina e vice presidente vicario Fisi, mentre...

Prima giornata al Race Future Club a Cortina d’Ampezzo

Prima giornata al Race Future Club a Cortina d’Ampezzo. Condizioni variabili al Faloria: subito un po’ di nebbia, anche qualche fiocco di neve, poi finalmente il sole per i partecipanti alla terza edizione dell’iniziativa di Race Ski Magazine che...

Scatta il 3° Race Future Club in collaborazione con Fisi e Fondazione Cortina

Scatta a Cortina d'Ampezzo il Race Future Club atto numero 3. Stiamo parlando dell'iniziativa di Race Ski Magazine riservata ai migliori 14 Allieve/i e 10 Ragazze/i scaturiti dai risultati di Top 50, Alpe Cimbra, Campionati Italiani di categoria e...