Bassino felicissima per il podio e guarda già alla Erta: «Pista tosta, servono grinta e coraggio»

SAN VIGILIO DI MAREBBE – Marta Bassino ha appena conquistato il podio in superG, è felicissima per esserci riuscita, ma nella sua mente ha già i giganti di San Vigilio di Marebbe. Nella finish area di Cortina d’Ampezzo visualizza la pista Erta e sa benissimo quello che deve fare e come affrontare ogni singolo settore. «Parto sempre con le idee chiare in testa – spiega, mentre ripassa il pendio anche con le mani – attaccare le prime porte, poi c’è il raccordino dove bisognare far scorrere e sciare forte la media pendenza, ancor dopo ci si tuffa nel muro ed è necessario tirare fuori la grinta e il coraggio, la voglia di attaccare anche nel ripido e tenere bene le curve sul piede destro, in contropendenza». 

Una breve analisi, il racconto della Erta su richiesta dei cronisti, che la cuneese definisce come una pista «molto difficile, tecnica e davvero varia – aggiunge -. Bisognerà avere coraggio per affrontare questa pista tosta che hanno barrato». Ma questa mattina – lunedì – San Vigilio di Marebbe si è svegliata sotto la neve. Qualche centimetro, al momento, nulla di più, ma comunque lavoro extra per gli organizzatori. 

Marta Bassino ©Agence Zoom

Marta è contentissima dell’ennesimo podio arrivato in superG, su una Olympia delle Tofane dove la velocità non è stata altissima e dove la neve è apparsa un po’ facile. «Condizioni bellissime, ma ogni tanto è difficile sciare forte su questi manti perché rischi di scendere bene, non venire più giù e prendere le ore dappertutto». Sono anche punti di vista, perché Marta racconta di aver parlato con Cornelia Huetter: per l’azzurra è stato tutto facile, per l’austriaca invece le porte arrivavano in faccia velocemente. Il superG è una gara secca ed è quindi fondamentale la ricognizione. «È l’unica cosa che abbiamo per leggere la pista, una buona parte del risultato nasce da lì, non ti inventi nulla». 

Marta Bassino ©Pentaphoto

La stagione? «Molto, molto contenta, sopratutto di come scio che è poi quello che mi interessa di più, piuttosto che guardare solo al risultato. Se scio bene e forte, di solito quello arriva. E quindi prima di tutto, voglio tirare belle curve». La Erta l’aspetta, i tifosi pure. Domani si ritorna subito in pista con il primo dei due giganti, perché nel frattempo a San Vigilio di Marebbe lo spettacolo è raddoppiato. 

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...