Aspen: Rebensburg davanti in discesa, Goggia quarta. Brignone, fermata con bandiera gialla, non ha potuto ripetere la prova

Un tranquillo lunedì di ‘allenamento’ sulla Ruthie’s Run / America’s Downhill di Aspen, Colorado, Stati Uniti, pista teatro delle gare femminili alle Finali di Coppa del Mondo 2017, si trasforma in training sfortunato e con ‘giallo’ per Federica Brignone. Rebensburg ‘vince’ la prova davanti a Stuhec, Schmidhofer e a un’ottima Goggia.

Viktoria Rebensburg (@Zoom agence)
Viktoria Rebensburg (@Zoom agence)

COLORADO – Dopo la domenica di trasferimento dalla California, le 21 ragazze in grado di poter gareggiare in discesa per le Finali (assenti le infortunate Gut, Huetter, Puchner, Miklos, Kling, Elena e Nadia Fanchini, con la citata Brignone in gara grazie ai 500 o più punti raggiunti nella WCSL Overall) si trovano ad affrontare una pista praticamente sconosciuta, che solo Lindsey Vonn e Stacey Cook avevano già provato l’8 dicembre del 2007, cioè l’ultima volta che le donne hanno gareggiato ad Aspen in discesa (successo di Janyk, oggi ritirata e mamma, davanti a Marlies Schild, all’unico podio in discesa, Renate Goetschl e proprio Vonn). Giornata nuvolosa, temperature sui 2° centigradi al traguardo.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=8JXlXDEotns]

 

PISTA – Ecco la descrizione della pista da parte di Alberto Ghezze, responsabile delle velociste azzurre: «Il pendio è molto piatto nella parte alta, presenta solo due ‘saltini’ e qualche onda in 50” circa. Poi si arriva sopra la partenza del gigante con cinque porte molto ripide, sicuramente la zona più tecnica della pista, e quindi si entra nel tracciato classico delle porte larghe, abbastanza semplice. C’è però una variante finale: si scende a sinistra, con un gran curvone che ti porta verso il traguardo. Le nostre ragazze stanno bene, Sofia mi sembra in palla, anche Hanna. Federica sfortunata: è caduto un lisciatore, l’hanno fermata con bandiera gialla, ma senza riportarla in partenza per farla ricominciare da capo. Ha dovuto ripartire dov’era… E ovviamente non l’ha presa bene. Noi nemmeno…».

TUTTE LE DISCESE DISPUTATE AD ASPEN

Federica Brignone in volo sulla pista di Jeongseon (@Zoom agence)
Federica Brignone in volo (@Zoom agence)

TRAINING – Morale: Viktoria Rebensburg ha chiuso davanti a tutte in 1’40”54, precedendo di 0”14 Ilka Stuhec, cui basterà arrivare nelle 15 mercoledì per conquistare la Coppa di discesa, di 0”20 la campionessa iridata di superG Nicole Schmidhofer e di 0”72 Sofia Goggia, autrice del 12° tempo nel terzo parziale, ma di un’ottima seconda e quarta sezione. La bergamasca è l’unica atleta che, in linea teorica, potrebbe ancora strappare la ‘coppetta’ alla slovena. Quinta Scheyer, sesta Vonn, settima Tippler, ottava Ross, nona Corinne Suter, decima Venier. Dodicesima Hanna Schnarf, seconda azzurra, staccata di 2”32, ventesima Verena Stuffer a 4”52, ingiudicabile ovviamente la prova di Federica Brignone, anche se comunque i parziali degli ultimi tre tratti sono più che buoni. Ma, come ha ricordato Ghezze, la valdostana non ha potuto gareggiare su pista completa, costretta a ripartire dove l’avevano fermata con bandiera gialla: «Ed ero incavolata nera», ci ha detto poi dal Colorado. Domani, martedì 14 marzo, altro training alle 18 italiane (le 11 locali), gara mercoledì 15 marzo negli stessi orari.

RISULTATI 

CLASSIFICA DI SPECIALITA’

Ilka Stuhec, è sua la Coppa di combinata alpina (@Zoom agence)
Ilka Stuhec, è sua la Coppa di combinata alpina (@Zoom agence)

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...