Aspen, Goggia seconda in prova: «Stuhec imbattibile in alto, ma ho margine. In gara a tutta!». Quinta Brignone


L’Italia c’è, anche in discesa, anche ad Aspen, su una pista bella, tecnica nella parte bassa, magari un po’ più ‘facile’ in alto (ma comunque mossa), dove un lungo tratto di pura scorrevolezza, pur su una media pendenza, può sicuramente esaltare le straordinarie doti da scivolatrice di una Stuhec o di una Vonn. La slovena è stata la più veloce nella seconda prova cronometrata, unica sotto il minuto e 38”, distanziando nettamente le altre concorrenti. Domani, mercoledì 15 marzo, via alle Finali femminili con la discesa prevista alle 18.00.

RISULTATI

Lindsey Vonn (@Zoom agence)
Lindsey Vonn (@Zoom agence)

TRAINING – Sofia Goggia conferma il feeling con la velocità, trovato per tutta la stagione al netto degli errori, e si piazza seconda dopo il quarto posto di lunedì, staccata però di 0”89. Terza Lindsey Vonn (insomma, davanti ci sono le solite sospette di… Jeongseon), che probabilmente un po’ si è nascosta come fa sempre in  prova, quarta Schimdhofer a 1”17, quinta, ex aequo con Rebensburg, una splendida Federica Brignone («Questa pista mi piace molto», ci ha detto), mai così veloce nemmeno nei training in libera, staccata di 1”64, su una pista (nella parte bassa) in cui è già salita tre volte sul podio in gigante, nel 2009, 2014, 2015. Settima Tippler, ottava Weirather, nona Siebenhofer, decima Worley. Le altre azzurre: 14esima Stuffer a 2”57, 19esima Schnarf a 3”10. Ventunesima e ultima, per ora, Alice Merryweather, fresca campionessa iridata juniores.

Da sinistra: Lindsey Vonn, Sofia Goggia e Ilka Stuhec sul podio del superG a Jeongseon (@Zoom agence)
Da sinistra: Lindsey Vonn, Sofia Goggia e Ilka Stuhec sul podio del superG a Jeongseon (@Zoom agence)

VOCI – «La pista è bella, tosta, lunga, 1’40” tutti intensi – ci dice Sofia dal Colorado -. Prima parte su una media pendenza, ma scorrevole, con due salti e gobbe da assorbire bene. Poi ecco una curva verso sinistra che immette su una traversa, quindi una ‘tripla’ e dunque il muro, con cinque porte singole dove bisogna saper sciare, seguite da due lunghe fondamentali che ti danno tutta la velocità per l’ultimo tratto. Io oggi ho provato a sciare meglio nella prima parte, ma lì c’è poco da fare, paghiamo tutte rispetto a una Stuhec che su quel tipo di terreno, mosso, ha una supremazia netta, anche se credo che Vonn si sia nascosta. Io invece ho sbagliato nel tratto centrale, quello delle singole, mentre nell’ultima parte mi sono tenuta un margine, con consapevolezza. Domani a tutta».

Sofia Goggia e Federica Brignone (@Pentaphoto)
Sofia Goggia e Federica Brignone (@Pentaphoto)

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...