Andy Plank sulle orme di papà

In gara sulla pista dove Herbert vinse il bronzo olimpico

Questa mattina sulle nevi tirolesi di Patscherkofel si è svolta la prima prova cronometrata in vista delle due discese maschili di Coppa Europa in programma mercoledì e giovedì. Al cancelletto di partenza Andy Plank, fresco vincitore del gigante Fis Junior del Tonale. E subito ritorna alla mente quel giorno del 1976, quando suo papà Herbert colse alle Olimpiadi di Innsbruck, sulla medesima pista, la medaglia di bronzo in discesa libera dietro a Klammer e Russi. Ci ha pensato al via Andy, eccome se ci ha pensato. "Quello è un risultato di cui ne ho sempre sentito parlare. Non mi sento particolari responsabilità, ma emozionato un po’ lo ero per davvero…". Herbert, classe ’54, ha vinto cinque volte in Coppa del Mondo, ed è stato il primo italiano a salire sul gradino più alto del podio sulla Saslong. Andy, classe ’89, è al primo anno in squadra nazionale e si sta cimentando per la prima stagione agonistica in Coppa Europa. "Dopo la prova ho sentito papà al telefono, e mi ha assicurato che farà di tutto per raggiungere Patscherkofel, per vedermi all’opera nella sua discesa", ha affermato Andy al traguardo.
Intanto nella prova miglior tempo dell’austriaco Thomas Graggaber. Migliore azzurro Massimo Penasa quindicesimo, a seguire Elmar Hofer e Michele Cortella.
 

Altre news

Meillard sfreccia nello slalom di Aspen. Podio per Strasser e Kristoffersen

Dopo i due secondi posti nei giganti dietro a Marco Odermatt, Loic Meillard riesce ad imporsi nello slalom di Aspen, Colorado, e vince per la prima volta fra i pali stretti. Il capofila della prima run, il francese Clement...

Noel comanda in prima nello slalom. 8° Sala

Dopo i giganti, ecco lo slalom sulle nevi del Colorado ad Aspen: il francese Clement Noel stacca di 27 centesimi lo svizzero Loic Meillard, reduce da due podi fra le porte larghe. Poi i distacchi aumentano: il 3° è...

Brignone vola nella nebbia di Kvitfjell: vittoria di coraggio nel superG. «Mi diverto e non voglio smettere»

Un capolavoro in mezzo alla nebbia, una prova di forza e di coraggio. Federica Brignone vince il secondo superG di Kvitfjell, una maratona durata oltre due ore e mezza, colpa della nebbia che per tutta la mattinata andava e...

Aspen, Odermatt imbattibile: 12 trionfi consecutivi in gigante. Davanti gli azzurri: 4° De Aliprandini, 5° Vinatzer

Senza parole. Marco Odermatt è semplicemente imbattibile in gigante. Di tutti colori ne combina lo svizzero sul ghiaccio del Colorado nella seconda run, ma vince sempre e comunque. E sono 12 i successi di fila in gigante. Ha fatto...