Alpi Centrali, la nuova sfida di Capitan Futuro

Dopo anni con la squadra nazionale italiana fra cui come non menzionare quel team di giovani che aveva nell’attuale vice campione del mondo di gigante Luca De Aliprandini il faro, esperienze estere fra Finlandia e Polonia, in ultimo la stagione appena passata con lo Chamolè e una Greta Angelini che prima dell’infortunio si giocava l’azzurro, ecco adesso una nuova avventura per Alessandro ‘Capitan Futuro’ Serra. Il tecnico valsusino, uno dei coach più blasonati nel panorama nazionale, riparte dalle donne del Comitato Alpi Centrali e ci dice: «L’entusiasmo e la voglia di fare questa professione non mancano mai e riparto dalle ragazze lombarde. Sarà una squadra vera e propria con un programma preciso di allenamento. Possiamo toglierci grandi soddisfazioni». Sembra davvero che la squadra regionale prenda sempre più quella strada di team a se stante che negli anni passati stava smarrendo. Una formazione fatta e finita, dove la figura del responsabile è sempre più da campo invece che da coordinatore. Già ultimamente con Simone Stiletto ora al Drusciè Cortina con i Children, si stava tornando a questa impostazione che con Serra sembrerebbe ancora più definita. 

IL PUNTO DEL PRESIDENTE ZECCHINI – Ci dice il presidente AC Franco Zecchini: «Arriveremo al massimo a dieci ragazzi nella prima squadra e circa sette-otto per le donne. Poi un gruppo di osservati che ruoterà intorno al team principale. Fra una settimana saranno pronte le compagini, poi invieremo ai club il nostro programma così anche loro si potranno ovviamente organizzare. Conosco Serra dai tempi del progetto giovanile Fisi sponsorizzato allora da Ratiopharm, circa una decina di anni fa. Con l’attuale presidente Flavio Roda e proprio con Serra che allenava la nazionale C abbiamo lavorato parecchio in tema junior. Alessandro è’ la scelta giusta per continuare a primeggiare. Un ringraziamento va a Simone Stiletto con cui abbiamo lavorato tanto e bene che lascia per motivi personali e per avvicinarsi a casa, in Veneto. E un grazie ovviamente anche a Maurilio Alessi che si occupava del settore maschile». 

Franco Zecchini, presidente AC

Altre news

Se ne è andata Elena Fanchini

È morta Elena Fanchini, ex sciatrice che lottava contro un tumore, 37 anni. Era malata da tempo e Sofia Goggia le aveva dedicato la vittoria della discesa di Cortina d'Ampezzo. A gennaio del 2018 aveva annunciato che avrebbe lasciato lo...

Marta superGigante: «Una vittoria di peso, ho studiato la discesa di Vonn alle Finali 2015»

Isolde Kostner oro a Sestriere nel 1997, Marta Bassino oro a Méribel nel 2023. Ventisei anni dopo l’Italia torna sul gradino più alto del podio nel superG, una disciplina che la cuneese ha sempre fatto, ma che ultimamente le...

Kilde precede Innerhofer nella prima prova della discesa di Courchevel

Aleksander Aamodt Kilde ha realizzato il miglior tempo nella prima prova cronometrata della discesa maschile di Courchevel. Il norvegese ha impiegato 1’48”81 per affrontare l’Eclypse, affrontando a gran velocità i lunghi curvoni del “Mur du Son”. Christof Innerhofer è stato...

Il capolavoro di Marta – fotogallery

    Che spettacolo, che sciata, che capolavoro! Marta Bassino si prende uno strepitoso oro nel superG dei Campionati Mondiali di Courchevel-Méribel. Una sciata splendida, una prestazione che tiene a 11/100 una certa Mikaela Shiffrin.