Allo Stelvio il corso allenatori

Quattro livelli per una STF all'avanguardia diretta da Flavio Roda

Al Passo dello Stelvio ecco il corso allenatori di 2° livello. Alla guida della Scuola Tecnici Federali di sci alpino c’è Flavio Roda, che abbiamo incontrato nel quartier generale del Thoni 3000 e ci ha esplicitato le nuove linee delle STF: “Innanzitutto da questa primavera abbiamo introdotto una modalità che si formula su quattro livelli. C’è sempre più un indirizzo in Fisi di voler formare per i club di base, oltre ovviamente comitati e squadre nazionali, allenatori che parlano lo stesso linguaggio e soprattutto che abbiano una medesima linea tecnica e di metodologia di insegnamento. Lo scopo? Un buon allenatore di un club può formare atleti sempre più di qualità, con il fine di arricchire il vivaio della Federazione. Dobbiamo andare tutti nella stessa direzione”. Oggigiorno si è deciso che il 1° livello sia ‘pro tempore’: dura un massimo di due anni, entro i quali sarà necessario fare poi il 2° livello, che va a formare coach che possono operare da soli. Al Passo dello Stelvio sessanta allievi per il secondo livello, allievi selezionati all’inizio della primavera a Nova Levante. I sessanta della selezione di Bormio saliranno allo Stelvio, il quartier generale della STF, dal 25 luglio al 2 agosto. Il 3° livello, a cui possono ad ogni sessione partecipare 40 allenatori, saranno in grado di allenare squadre cosi dette ‘complesse’, ovvero comitati o squadre nazionali. I docenti del 2° livello sono allenatori delle squadre nazionali B e C, affiancati per ogni gruppo dalla figura di un istruttore nazionale, per il 3° parliamo di coach delle A. Se allo Stelvio la STF ha la ‘sede’ sulla neve, a Rovereto invece viene svolta tutta la parte teorica relativa alla preparazione atletica, alla ricerca, alla medicina sportiva, allo sviluppo e ai materiali. E gli aggiornamenti? Ogni tre anni, per il 2° a livello regionale, per il 3° su base nazionale. Infine il 4° livello: qui non ci si iscrive, ma invece vengono nominati coloro che si sono distinti nella loro professione ottenendo risultati rilevanti e accompagnando a doti di insegnamento anche capacità dirigenziali. Fra i nuovi atleti di secondo livello è stato promosso con il secondo miglior punteggio l’ex velocista azzurro Kurt Sulzenbacher, che ha abbandonato l’attività alla fine di questa stagione.

 

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...