Acetaia Razzoli, il nuovo progetto del Razzo

Lo vedremo sempre al cancelletto di partenza, ma Giuliano Razzoli ha realizzato un progetto, legato ad una sua altra grande passione, l’aceto balsamico. Una passione di famiglia. Si chiama Acetaia Razzoli, nata nella sua Razzolo, piccolo borgo dell’Appennino Emiliano.
Oro, argento e Aragosta sono le prime tre produzioni di aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia DOP dell’Acetaia Razzoli, già disponibili sullo shop online www.acetaiarazzoli.com.

«Quello che produco – ha spiegato il Razzo – è un aceto di montagna prodotto nel rispetto del naturale processo tradizionale. Lasciamo che l’avvento di ogni stagione lo plasmi con le sue temperature, che il tempo scorra lento per arricchirne il sapore, snellendo il suo volume e donandogli una cremosità fondente».
L’aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia Dop viene prelevato da 56 batterie certificate, dalle quali vengono estratti poche decine di litri di aceto all’anno per mantenere e preservare l’eccellenza qualitativa del prodotto che deriva da acini di uva reggiana conservati nel legno di rovere, ginepro, acacia, castagno, ciliegio, frassino e gelso.
A custodirli è casa Razzoli, reinterpretata ad acetaia: circa 300 metri quadri distribuiti tra acetaia, sala degustazione, ufficio, magazzino e cantina: «Gli spazi dedicati alle nostre botti – prosegue Razzo – sono luoghi di famiglia, oggi predisposti alla cura del nostro aceto balsamico. La passione per quest’arte antica ha guidato le nostre scelte a preservare dal tempo queste mura, affinché potessero essere un nuovo inizio per la tradizione balsamica Razzoli. Su una passione ho costruito la mia vita. Quella stessa passione che oggi mi porta a seguire questo affascinante percorso in continuo divenire. È un prodotto che richiede costanti cure per crescere, evolversi, migliorare. Proprio come nella mia professione».

Altre news

Fisi: Stefano Maldifassi si candida alla presidenza. «Ho in mente una Federazione nuova»

«Pensare e vivere gli sport invernali». Questo lo slogan che chiude un breve video realizzato per annunciare la candidatura in Fisi di Stefano Maldifassi. È ingegnere biomeccanico, cinque volte campione italiano di skeleton e allenatore di quarto livello; Maldifassi...

A La Parva Colturi centra una doppietta in slalom; Tranchina secondo in gara-2

Doppietta in gigante la scorsa settimana, bis ieri e l'altro ieri in slalom. Lara Colturi ha fatto uno-due anche tra i rapid gates di La Parva, dove si sono svolte altre gare Fis. Possiamo dire che in quattro gare...

Marsaglia lotta ancora con entusiasmo: «Conta essere veloci, non l’età»

Matteo Marsaglia non molla, anzi, rilancia. Il romano di San Sicario, trentasette primavere a ottobre, è deciso più che mai per un'altra stagione in Coppa del Mondo. Reduce da un'annata davvero positiva, dove fra le varie prestazioni confortanti ha...

Vinatzer in Belgio: «Indoor per preparare l’Argentina. Contento del coach Del Dio»

Domani Alex Vinatzer effettuerà il secondo raduno sulla neve. Dopo quello di Saas Fee, il gardenese classe '99 con il team azzurro si prepara a quattro giorni nell'impianto indoor di Peer in Belgio. Eccolo Alex: «A Saas Fee alle 7.30 a...