Abbiamo messo gli sci sul Rettenbach di Soelden

Stefano Costazza: "La pista tiene bene, duro ma non ghiacciato"

Prima giornata sul Rettenbach di Sölden. Alle 8 quando abbiamo preso la cabinovia per raggiungere l’allenamento delle squadre azzurre il cielo era cupo, ma nell’arco della mattinata le nuvole minacciose hanno lasciato spazio al sereno. Non fa freddissimo, i -15° della scorsa settimana sui ghiacciai alpini sono solo un ricordo. Oggi è stato un po’ come il primo giorno di scuola: è la vigilia numero uno di una gara di Coppa del Mondo, e c’è davvero tanta curiosità per il risultato dell’opening. Pronti via, quattro prove per le azzurre nel gigante disegnato sulla pista sopra quella di gara. Dalle 10 un’ora per fare un paio di giri in campo libero sul Rettenbach.

Stefano Costazza, il responsabile delle discipline tecniche, si è messo in fondo al terribile muro, collegato via radio in partenza con Paolo Deflorian. “La pista tiene bene – ci dice Costazzail muro è duro ma non particolarmente ghiacciato. Dopo i primi giri nel gigante con le canadesi, le ragazze hanno provato la pista di gara. La più in forma? E’ difficile vedere da quattro curve sulla pista chi può star meglio, però gli ultimi giorni sono stati abbastanza indicativi. Denise Karbon e Manuela Moelgg sono sempre un punto di riferimento, la prima poi ha vinto la simulazione di gara che abbiamo fatto a Hintertux che valeva da selezione. Poi c’è anche la Alfieri che sta andando forte”.

Intanto anche gli uomini hanno sciato questa mattina a Soelden: tre giri di gigante e poi tutti in albergo. Matteo Guadagnini, il responsabile del team, sembra un po’ scettico rispetto a Costazza sulla tenuta della pista domenica: “Danno un rialzo delle temperature e ho paura che domenica in gara la pista spacchi un po’, che si segni in maniera eccessiva soprattutto per la seconda manche”. Staremo a vedere. Intanto anche i ragazzi domani effettueranno la sciata in pista.

Altre news

È uscito Race ski magazine 176, incentrato sui grandi eventi giovanili di fine stagione

La stagione agonistica 2023/2024 è in archivio, ormai tutti i circuiti si sono chiusi, anche se qualche atleta, soprattutto di alto livello, è ancora in pista per sfruttare le condizioni, testare materiale e affinare il gesto tecnico. Com’è andata...

Kitzbühel e Sestiere, EA7 Winter Tour a tutta

Il viaggio continuo, che entusiasmo EA7 Winter Tour: dappertutto, ovunque. Da appiausi per gestione, organizzazione, offerta. E sulle Alpi non poteva mancare la tappa mitica in Austria  a Kitzbuehel. Posizionati in area Sonnenrast, l’igloo EA7 ed il gatto delle...

Zermatt chiude alle Nazionali, ma a rimetterci veramente solo gli svizzeri

Ci avete tolto la Coppa del Mondo, bene non daremo la possibilità di allenarvi in ghiacciaio. Questa in estrema sintesi la decisione del direttivo della Zermatt Bergbahnen. Nella prossima estate solo le squadre di sci d’élite, insomma le Nazionali,...

Calendari di Coppa del Mondo, a che punto siamo?

Sui calendari di Coppa del Mondo tanto si è detto in queste ultime stagioni. Dalle lettere aperte degli atleti, sino alla recente proposta (Change the Course) della federazione norvegese di dividere la stagioni in blocchi geografici, spostando l’avvio della...