A Zagabria è Razzo-mania

Primo storico podio per Giuliano Razzoli. Vince Grange su Kostelic

"Se arriva al traguardo sono guai per tutti. In allenamento rifila mezzo secondo a prova a tutti gli altri". Max Carca è stato buon profeta: così la settimana scorsa ci aveva parlato di Giuliano Razzoli. In una seconda manche difficile, molto angolata, tutta da lavorare, l’emiliano di Villa Minozzo ha dimostrato al mondo il suo valore. Tutti noi che lo conosciamo bene aspettavamo da più di un anno questa consacrazione, che è arrivata nella notte di Sljeme alla luce dei riflettori. La prima manche del ‘Razzo’ è stata un capolavoro di solidità: partito con il pettorale numero 43, è riuscito a piazzarsi settimo su una pista estremamente rovinata. Nella seconda ha attaccato: il limite di carattere palesato nella seconda stagione sembrava un ricordo del passato. Preciso, potente, determinato. È balzato al comando, ha scavalcato Matt, Vajdic, poi Manfred Moelgg (ottima anche la sua gara, sarà quarto), si è ‘inchinato’ di soli tre decimi a sua maestà Kostelic e al più forte slalomista del momento, Jean Baptiste Grange. Il savoiardo, infatti, si è preso una bella rivincita su Kostelic che l’aveva superato sulla Gran Risa, togliendogli per soli cinque centesimi la soddisfazione di indossare corona e mantello (e l’assegno da 60.000 euro) davanti alla platea in festa di Zagabria. Un emiliano sul podio di Coppa del Mondo non lo vedevamo dai tempi di Albertone: il suo fan club è tra i più calorosi del Circo Bianco. Non è il caso di esaltarsi troppo, ma questo podio è un risultato di quelli che scaldano il cuore.
Peccato per Patrick Thaler: terzo dopo la prima manche, ha patito un po’ la tensione e un tracciato che non si adeguava troppo alle sue caratteristiche ed è scivolato in tredicesima posizione. Diciassettesimo Giorgio Rocca, ventiquattresimo Cristof Innerhofer e ventottesimo Cristian Deville che ha commesso un grave errore quando stava marciando su tempi davvero interessanti. Chiudiamo dicendo che con questo risultato Jean-Baptiste Grange è anche balzato al comando della graduatoria overall di Coppa del Mondo.

Altre news

I norvegesi per la prossima stagione

La federazione norvegese ha ufficializzato le squadre per la prossima stagione: si lavora sempre di più sui giovanissimi con una crescita numerica delle C. Mancano due protagonisti all’appello: Lucas Pinheiro Braathen che, come tutti sanno, difenderà i colori del...

AOC. Platinetti: «Non solo Cecere, bilancio di gruppo esaltante». Barbera: «Aspiranti in gran spolvero»

Stagione conclusa, anche se mancano alcune Fis in Scandinavia a dire la verità, ma è tempo di bilanci. Iniziamo a prendere in considerazione le squadre dei Comitati regionali e partiamo dal Comitato Alpi Occidentali. Per il settore femminile una...

Ecco le squadre svizzere: il tecnico Heini Pfitscher con Holdener e Rast, promosso anche Tavola

Swiss Ski ha ufficializzato squadre e staff per la prossima stagione agonistica, dopo quella trionfale appena andata in archivio. Sfera di cristallo per Lara Gut-Behrami e Marco Odermatt, oltre a numerose coppe di specialità e alla vittoria nella Coppa...

Come sarà l’Italia femminile di Coppa del Mondo?

Non cambia granché la struttura dell’Italia femminile di Coppa del Mondo. Confermata dal dt Gianluca Rulfi la squadra èlite con le quattro atlete che avranno sempre il loro tecnico di riferimento: Luca Agazzi per Sofia Goggia, Davide Brignone per...