A Kristoffersen la coppa di slalom. A Méribel vince Mc Grath, settimo Sala

Giù il sipario sulla Coppa del Mondo di sci alpino, con una seconda manche dello slalom maschile al limite della praticabilità, per via delle alte temperature, con tanta incertezza fino alla fine. Se l’Italia ha piazzato la doppietta nel gigante femminile, la Norvegia lo fa nello slalom maschile. Numeri ed errori a non finire nell’ultima discesa della stagione, a imporsi alla fine è stato Atle Lie McGrath che ha rifilato 37/100 al connazionale Henrik Kristoffersen; neppure lui ha fatto la manche perfetta, ma quanto è bastato per andarsi a prendere la coppa di specialità. Non poteva fare nessun calcolo il norvegese, dopo una manche di altissimo livello dell’austriaco Manuel Feller che si era messo al comando della gara e della coppa. Alla fine Kristoffersen ce l’ha fatta, vincendo con novanta punti di vantaggio sull’austriaco che è riuscito a recuperare sette posizioni nella seconda frazione e a prendersi il terzo gradino del podio. Sfruttano l’inversione e la pista liscia il bulgaro Albert Popov e Joaquim Salarich recuperano rispettivamente 18 e 20 posizioni e terminano al quarto e quinto posto. 

Ancora una buona prova per Tommaso Sala che chiude la sua miglior stagione al settimo posto, soddisfatto al traguardo nonostante una linea un po’ bassa nel tratto centrale. Lucas Braathen, leader a metà gara, è invece scivolato all’undicesimo posto. Perdono posizioni Giuliano Razzoli e Alex Vinatzer, che chiudono al 17° e 18° posto. Fuori per inforcata il campione olimpico Clément Noël. 

LEGGI ANCHE

LE ULTIME NOTIZIE