La Coppa passa dalla Val Senales: 18 dei 30 migliori del gigante di Sölden sono transitati da lì…

Il risultato è impressionante: ben 18 atleti tra i primi 30 classificati nella gara di apertura della stagione di Coppa del Mondo a Sölden si sono recati all’Alpin Arena Senales per la preparazione. Tra questi: Zan Kranjec (SLO), Lucas Braathen (NOR), Rasmus Windingstad (NOR), Tommy Ford (USA), Alexander Schmid (GER) e Thibaut Favrot (FRA). Questo conferma ancora una volta la professionalità e la qualità del centro d’allenamento sul ghiacciaio, sia per quanto riguarda l’offerta di piste, le condizioni di neve e l’attrezzatura tecnica, sia per i servizi associati. «Nelle ultime settimane abbiamo registrato una richiesta senza precedenti per la pista Leo Gurschler. Fa specie e ci fa soprattutto piacere Michaela Shiffrin, quattordici giorni da noi quando sostiene che questa pista è quasi più impegnativa di quella della Coppa del Mondo a Sölden». afferma Stefan Hütter, responsabile marketing dell’Alpin Arena Senales.

CASA DEGLI AZZURRI – Oltre alle squadre internazionali, il ghiacciaio della Val Senales è naturalmente anche la base della squadra nazionale italiana. Dominik Paris, Marta Bassino, Federica Brignone, Sofia Goggia, Alex Vinatzer., Luca De Aliprandini e Riccardo Tonetti (sponsorizzato proprio da Senales) in autunno si allenano regolarmente sulle nevi perenni altoatesine.

Altre news

Goggia senza limiti: «Volevo la doppietta, ci sono riuscita»

Non bastava vincere. Sofia Goggia vuole la perfezione. Lo aveva promesso ed eccola oggi ancora in trionfo sulla Men's Olymouc - East Summit di Lake Louise. «Si può fare meglio», diceva ieri. Eccola, aveva ragione. Domina ancora in Canada...

Missile Goggia colpisce sempre: doppio trionfo a Lake Louise

Che andare. Diciannove vittorie in Coppa del Mondo (14 in discesa) e oggi doppietta stagionale sulla Men's Olympic /East Summit di Lake Louise (5 vittorie sul pendio canadese). Sofia Goggia fa paura. Non viene fermata dal vento che soffia...

E’ Kilde l’uccello predatore: battuto ancora Odermatt. Marsaglia 16°

Birds of Prey, nome della pista di Coppa del Mondo di Beaver Creek, significa uccelli da preda. Ed è il norvegese Aleksander Aamodt Kilde l'uccello predatore sulle nevi del Colorado., che porta a quindici i successi nella massima serie...

Gardena, semaforo verde per la 55a Coppa del Mondo

La Coppa del mondo di sci sulla Saslong si aprirà, come da tradizione, venerdì 16 dicembre con il superG. Sabato 17 dicembre, invece, si svolgerà la classica discesa, che sarà la 100a gara di Coppa del mondo in Val...