Polivalenti in partenza per Zurigo. Venerdì il volo per Denver, alla conquista del nord America?

Scatta ufficialmente l’operazione nord America e non sarà la prima per la Nazionale italiana quest’anno, visto che le Finali di Coppa del Mondo si svolgeranno ad Aspen, in Colorado, com’è ben noto, a marzo. Elena Curtoni, Federica Brignone, Francesca Marsaglia, Nadia Fanchini, Marta Bassino e Sofia Goggia (con lo staff) approderanno in giornata a Zurigo per poi volare domani prima a Francoforte o Monaco (per lo scalo) e quindi direttamente a Denver, in Colorado, Stati Uniti. Le azzurre alloggeranno in appartamento a Vail, dove però la neve non è ancora arrivata, per poi lavorare una decina di giorni circa nello Speed Center di Copper Mountain, dov’è possibile allenarsi in tutte le specialità. L’obiettivo però, come ci conferma anche il responsabile del team, Gianluca Rulfi, è macinare km soprattutto in velocità.

 

PAROLA A GIANLUCA – «Il gruppo sta bene e ha lavorato al meglio delle proprie possibilità in Senales – ci dice Rulfi – con le condizioni note: piste barrate, manto duro. Ovviamente chi ha fatto bene a Soelden ha la giusta adrenalina derivante dal buon risultato, chi deve riscattarsi si prepara a farlo. In Sud Tirol ci siamo concentrati principalmente sullo slalom, perché in America ne faremo poi poco. Idem per il gigante, ci sarà qualche richiamo e stop. A Copper Mountain è giunta l’ora di macinare km in discesa e superG e così faremo, prima di trasferirci a Killington. Ho visto una Bassino sempre serena e tranquilla in Senales; porte aperte per lei a qualsiasi risultato nella prossima gara in gigante. Non ha fatto neanche una prestazione così buona tecnicamente a Soelden rispetto a come stava sciando in allenamento, per cui… La gara è sempre un’altra cosa, naturalmente. Federica Brignone è a posto, Soelden è stato solo un episodio. Spiace per i tanti errori commessi nella seconda manche: una che punta alla vittoria, come lei, non se li può permettere. Nadia Fanchini deve dimostrar quanto vale veramente anche in gigante, la gara del 22 ottobre non le ha proprio reso giustizia perché stava andando bene prima e lo sta facendo ancora adesso, dopo. Abbiamo lavorato molto sulla preparazione anche dal punto di vista psicologico. Non è proprio il suo valore quello espresso sul Rettenbach, ma sono sicuro che arriverà pure tra le porte larghe. Elena Curtoni cresce, ma non stava neanche così male prima dell’opening in Austria. Avrei accettato una gara anche con errori, sarebbe stato normale, dispiace invece che non abbia azzeccato nemmeno una curva, peccato. Goggia non era con noi in Senales, la schiena ora è sotto controllo. Spero di sbagliarmi, ma magari dovrà convivere tutto l’anno con qualche fastidio, perché poi esce di nuovo quando torni a forzare… Marsaglia può dare molto di più anche lei. La prima gara dice tutto e nulla, aspettiamo anche la velocità per cominciare a farci un’idea più chiara».

APPUNTAMENTI – Il 26-27 novembre si gareggerà a Killington, in Vermont, per la prima volta nel circuito maggiore, con un gigante e uno slalom. Il 2-3-4 dicembre spazio alla velocità in Canada, a Lake Louise, con due discese e un superG.

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...