LIVE – Pinturault vince a Soelden 15 anni dopo Covili. Sul podio Hirscher e Neureuther

La vittoria francese che mancava dal 2001, quando vinse Covili. La Francia è tornata a vincere sul Rettenbach di Soelden. E lo ha fatto con l’immenso Alexis Pinturault, subito in forma al primo appuntamento stagionale. Nella prima discesa era di poco avanti rispetto a Hirscher. Nella seconda ha invece fatto il vuoto. Due manches chiuse in 2″14’01” e 70/100 rifilati all’austriaco Marcel Hirscher. Recupera tre posizioni e sale sul podio il tedesco Felix Neureuther, staccato di 1″37. Ottima la prestazione di Zan Kranjec. Lo sloveno, quarto a 1″44 e a un soffio dal podio, ha recuperato ben sei posizioni. Nove invece quelle recuperate da Ted Ligety, mentre Justin Murisier, terzo provvisorio si è fermato al settimo posto finale.

FINFERLO – Si salva Finferlo. Luca De Aliprandini si è ben destreggiato nelle maglie angolate presenti nella seconda manche. Ha attaccato, provato a recuperare e ci è riuscito. «Peccato per la prima», dice Augusto Prati di Salomon in zona mista. Ed è proprio così perché avrebbe potuto fare un grande risultato. Prova soddisfacente nel complesso per l’azzurro che è partito con il pettorale 28 e ha concluso 10 a 2″12.

MALE GLI AZZURRI – Per trovare gli altri azzurri bisogna andare oltre la ventesima posizione. Florian Eisath ha concluso ventunesimo a 2″57, ancora più indietro un irriconoscibile Roberto Nani, solo ventiquattresimo. Fuori Manfred Moelgg. Nella prima frazione niente da fare per Riccardo Tonetti, Tommaso Sala, Dominik Paris, Andrea Ballerin e Simon Maurberger. 

BRUTTO AVVIO – Un avvio decisamente brutto per gli azzurri (eccetto De Aliprandini). Una prima gara da dimenticare sul Rettenbach. Una pista che oggi non era dura e barrata come al solito, ma che si è presentata con una neve aggressiva. Gli azzurri si sono allenati in Val Senales sul ghiaccio, è vero, ma questa non può essere considerata una scusa. Certamente ogni sciatore predilige un determinato tipo di neve, ma dietro a questo risultato non c’è solo questo. E neppure i segni che si sono depositati discesa dopo discesa. Lo dimostrano diversi inserimenti nelle zone alte anche con pettorale alto. È la prima gara della stagione e non si possono emettere sentenze. Certo, i gigantisti azzurri per ritrovare le prime posizioni e il podio dovranno lavorare. Un podio che manca da tanto, se escludiamo quello di Massimiliano Blardone l’anno scorso in Giappone.

Altre news

Linea di continuità nelle squadre femminili azzurre

Pronte le squadre azzurre femminili. Tutto confermato per quanto riguarda il gruppo élite con quattro atlete, Marta Bassino, Federica Brignone, Elena Curtoni e Sofia Goggia, quattro tecnici di riferimento, Daniele Simoncelli, Davide Brignone, Paolo Stefanini e Luca Agazzi, sotto...

Ecco le squadre maschili. Rimane Innerhofer ma Gross da ottobre. Sale Talacci, scende Barbera

Ecco le squadre maschili di sci alpino per la stagione 2024-2025 agli ordini del direttore tecnico Max Carca. Christof Innerhofer doveva essere escluso considerate le prime riunioni, poi alla fine è stato inserito ancora nel gruppo Coppa del Mondo....

Il 20 luglio a Razzolo di Villa Minozzo sarà grande festa per Razzoli

La grande festa per l'addio alle gare di Giuliano Razzoli è fissata a Villa Minozzo, nel natale Appennino reggiano, in frazione Razzolo sabato 20 luglio. Sarà l'addio ufficiale alla magica carriera dello slalomista emiliano, oro a Vancouver nel 2010,...

Grazie Razzo, è stato un lungo ed inimitabile viaggio

Oggi è arrivata la notizia ufficiale, da settimane nell'aria: Giuliano Razzoli ha detto basta. L'olimpionico del 2010 (suo due stagioni fa l'ultimo podio della squadra azzurra in slalom in Coppa del Mondo) lascia l'agonismo e noi vi riproponiamo l'editoriale di aprile...