LIVE. Delsante, uno che non molla: «E’ la Coppa Europa il mio obiettivo»

LANGHIRANO - Ecco Rocco nel video

2

A Langhirano, nel parmense, abbiamo incontrato Rocco Delsante. Classe 1991, già azzurro, ora tesserato con il CUS Parma, si allena con il gruppo Giovani&Senior dello Ski Team Cesana. L’anno scorso un inverno sicuramente positivo, ed ora la possibilità, sembra a detta della FISI, di misurarsi fra le porte larghe in Coppa Europa. La storia di Rocco è quella di tanti Senior che non mollano, ci credono ancora, nobilitano il nostro sport (quello che a vent’anni già ti etichetta come vecchio), hanno passione e soprattutto carattere e determinazione da vendere. Ed ecco nel video cosa ci ha detto l’emiliano…

2 COMMENTI

  1. “…tanti senior che non mollano e ci credono ancora,nobilitano il nostro sport…..”. Credo che il problema Senior vada suddiviso in due fasce. Da un lato quelli come Rocco,che con 10 punti sarebbe in nazionale pressochè ovunque tranne che in Italia,che son Signori Senior comunque in qualche modo seguiti e organizzati piuttosto bene,gente in grado di andare a punti in CE,magari di abbassare ancora i punti FIS per puntare ancora più in alto,visto che a gente così manca davvero poco per fare l’ulteriore salto. Il vero problema Senior,molto più ampio,riguarda quelli che che sono 1 o 2 gradini sotto,gente con punti dai 25/30 ai 50,che non sono riusciti ad esprimere il loro potenziale per crescita più lenta(specie i maschi),o per infortuni,che si trovano da un lato l’opportunità di fare il corso maestri,magari già opzionati dal proprio sci-club come allenatori,e dall’altro l’opzione di continuare con poche gare FIS a disposizione e con costi proibitivi. Ovvio che la scelta sia,nella stragrande maggioranza dei casi,quella di abbandonare e fare il corso. Quindi a mio avviso la FISI dovrebbe studiare come migliorare la situazione per queste due categorie di Senior,perchè altrimenti,complice anche la diminuzione della base causa costi,tra non molto ci troveremo ad avere più allenatori che atleti!