Gasslitter: «Felicissima per il podio». Zenere: «Tolta un peso»

Parola a Verena e Asja dopo il superG iridato di Sochi, chiuso rispettivamente al terzo e ottavo podo ai Mondiali junior russi. Due medaglie in due gare per l'Italia di Salvadori

0
Grenier, Ortlieb, Gasslitter il podio del superG iridato jr. a Sochi 2016 @Pag. FB ufficiale

Come Nicol Delago, anche Verena Gasslitter da Castelrotto era attesa a un grande risultato dopo una stagione persino migliore di Nicol, con una vittoria, cinque podi complessivi, il primo posto nella classifica di specialità in superG e l’esordio in Coppa del Mondo. Confermarsi tra le prime tre in un grande evento, quindi vincere una medaglia pesante, con tutta la pressione addosso e oltretutto dopo essere giunta sul luogo di gara all’ultimo momento disponibile e senza aver provato una pista, è impresa da campionessa di razza. Ma il risultato di oggi, pur senza medaglia, premia anche Asja Zenere, mai così avanti nemmeno nel circuito continentale. Ecco le impressioni delle due ‘azzurrine’ da Sochi.

PAROLA A VERENA – «Sono veramente felice di questo podio – ci dice Gasslitter dalla Russia – hanno realizzato un ottimo lavoro in pista, con queste temperature non è facile. Tracciato bellissimo, vario, c’è un po’ di tutto: media pendenza in alto, poi ripido e quindi un tratto finale pianeggiante».

PAROLA AD ASJA – «Sì sono contenta, mi sono tolta un sasso dalla scarpa… Ma non è finita, voglio fare ancora bene in combinata alpina e gigante. Poi tireremo le somme sulla stagione. Fin qui mi ritenevo soddisfatta solo della gara al Sestriere. La mia specialità preferita? Non c’è… non so in cosa vado meglio, vado a… colpi!».

Articolo precedenteMini team o meno atleti in squadra per vincere
Articolo successivoNadia Fanchini in… cattedra al Sole 24 Ore: «Esperienza unica»
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine