Menegalli saluta: «Ho fatto il lavoro più bello del mondo, l’atleta»

Un buco, una vasca, un gradino, un solco. Seconda manche dei Campionati Italiani Giovani di slalom. Pila, Valle d’Aosta, inverno 2015. Dopo aver dominato la prima manche, Nicolò Menegalli deraglia nella seconda frazione gettando al vento la vittoria e la conferma in squadra nazionale. Ecco, un altro esempio, un’altra storia di come in un attimo può girare il vento, stravolgere una carriera, cambiare la vita. Menegalli, per tutti Mene, veronese di Peschiera del Garda, due anni in squadra nazionale, ha iniziato la sua parabola discendente proprio quando ha affossato gli sci in quel buco maledetto ed è esploso a gambe all’aria. Un solco nella sua vita potremmo dire, un segno che rimarrà. Fuori squadra il biennio successivo, eccolo con la Forestale, quei ‘guerrieri verdi’ con qui ha cercato di riemergere come tutta la magica banda degli #InossidabiliSenior. Ma il destino era segnato in quella buca, e così due infortuni (prima nel marzo 2015 la schiena e il ginocchio lo scorso gennaio) lo hanno obbligato a pensare a lasciare l’agonismo.

INFORTUNI E IL NO DEI CARABINIERI – «Infortuni e non solo. Anche la chiusura della Forestale è stata una mazzata. I Carabinieri mi hanno escluso dal nuovo gruppo sportivo militare e quindi ho iniziato a maturare la decisione di smettere. E così è stato nel corso dell’estate…». Mene è approdato in azzurro grazie al lavoro di Fabrizio Cesamolo e Damiano Scolari nello Sci Club 2000 di Mason Vicentino e ad Andrea Schenal in Comitato regionale Veneto (in carriera tre bronzi fra tricolori Aspiranti e Giovani). «Non smetterò mai di ringraziare Fabri, Damiano e Schena», ci dice. E adesso? «Corso maestri e soprattutto il lavoro a casa a Peschiera del Garda nella gastronomia-ristorante Marco e Daniela Time, attività di famiglia. Ma lo sci, o meglio, l’agonismo è sempre nel cuore di Menegalli: «Ho fatto il lavoro più bello del mondo, l’atleta. Una esperienza che segnerà la mia vita. Per sempre». Già, a proposito di solchi…

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...