Gariboldi: «Mi manca l’agonismo, ma ogni giorno metto a frutto la sua lezione»

Risorgere, ripartire. Praticamente rivivere. Ma con un sogno infranto, nonostante la gara più importante, continuare a vivere, è stata vinta. Sono passati 16 mesi da quel maledetto, maledettissimo 2 maggio. Sono trascorsi momenti bui, tremendi, angoscianti, sfinenti. Sono passati periodi dove, anche quando dal punto di vista clinico il pericolo di non esserci più era definitivamente scongiurato, è stato difficile progettare un futuro. Federico Gariboldi, milanese classe 1994, ha lottato per oltre un mese e mezzo in ospedale. Una guerra, anche se silenziosa. Cranio, cuore e polmoni vicini al collasso dopo l’incidente. Bollettini medici da incubo, poi, come d’incanto, grazie ad un fisico bestiale e quella voglia di vita che aveva ed ha dentro, un netto miglioramento.

Ad agosto, il Gariba, sugli sci per l’esame di maestro in Valle d’Aosta. E intanto ancora riabilitazione, fra la gioia di avercela fatta e la paura di avere ancora strascichi pesanti. «Mi avevano accennato ad eventuali problemi di memoria. E allora, anche se sulla via del definitivo recupero fisico, ero triste perché avevo paura di non poter trascorrere una vita normale. Invece non ho avuto problemi di questo genere, anche se è stato davvero duro l’autunno scorso. Sapere cosa mi ha dato una grossa mano? Fare il maestro di sci in inverno a Courmayeur, essere utile, vedere crescere i miei allievi, fare felici tanti ragazzi». Gariboldi, maestro nella scuola sci Monte Bianco, si è messo a studiare adesso. «Fisioterapia ed osteopatia nel mio futuro. Mi piacerebbe avviarmi a questo mestiere, anche se il maestro sarà sempre un lavoro, anche se probabilmente secondario». Gariba ce l’ha fatta, come tanti. Anche se il suo grande sogno è svanito. Di colpo, come un battito di ciglia, un respiro. «Ho passato i miei anni dell’adolescenza e i primi anni della giovinezza con il sogno di fare lo sciatore di professione. Purtroppo quella macchina mi ha costretto a cancellare questo sogno, anche se certi traguardi importanti come il podio ai tricolori di gigante l’ultimo anno Giovani è stato centrato e una buona stagione successiva da Senior come portacolori dell’Esercito. L’agonismo mi manca, mi mancherà sempre. E ai ragazzi che oggi sciano dico di non mollare mai, che quando si ha la salute ogni traguardo è possibile. Tuttavia la lezione di vita dell’agonismo è unica. Cerco infatti di mettere quella determinazione, quella grinta, quella voglia di spaccare il mondo in ogni cosa che faccio. Ovviamente cerco, perchè non è sempre così, non è sempre facile, scontato» Insomma, sempre in pista Gariba, sempre al cancelletto di partenza. D’altronde il marchio di fabbrica c’è. Ed è quello degli #inossidabilisenior.

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...