Dominik Paris brinda nel parterre della Verte des Houches. Il gigante buono che viene dalla sperduta Val d’Ultimo è tornato a vincere e convincere, a scaldare i cuori dei tifosi dello sci, a primeggiare come in pochi sanno fare. Il primo podio proprio a Chamonix cinque anni fa, l’ultimo solo ieri nella combinata alpina. Parigi non vinceva da 13 mesi, il trionfo nel superG di Kitzbuehel. Una vittoria che lo rilancia prepotentemente fra i big della velocità, condizione già in risalita da gennaio e poi arrivata al culmine con il podio coreano due settimane fa nella discesa di Jeongseon. Paris è tornato quello che tutti conosciamo: su piste fra l’altro da scorrevoli come quella dell’Alta Savoia, lui va a nozze e tira fuori il massimo. Altro che storie, Domme e la squadra azzurra della velocità con Peter Fill in lotta per vincere la Coppa del Mondo di disciplina e Christof Innerhofer, rappresentano il plotone più completo, agguerrito, competitivo. Ma ecco cosa ci ha detto Paris al termine della discesa nel video…

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.