Zermatt, il bilancio di Pfitscher

0
1117

Tre giorni sul ghiacciaio del Vallese per FuturFisi femminile

Tre giorni di sci sulle nevi perenni vallesi di Zermatt per il gruppo FuturFisi femminile. «Siamo rimasti un giorno più, dal momento i primi due giorni non siamo saliti per il vento», fa sapere l’altoatesino Heini Pfitscher, al secondo anno responsabile della compagine, che ci racconta di come si sono trovate le ‘azzurrine’ in questa tre giorni sul Mattherorn Glacier Paradise, «Abbiamo diviso sempre il gruppo su due tracciati, di slalom e di gigante. Fra le ‘porte larghe’ abbiamo fatto anche cronometro, anche se sono dati da prendere con le ‘pinze’ visto che molte stanno usando sci nuovi e si devono adattare. Cose buone ha fatto vedere Roberta Midali, tra l’altro con gli sci vecchi, quindi si alternava davanti anche Veronica Olivieri. Si sta adattando bene anche Jasmine Fiorano, mentre crescono Valentina Cillara Rossi e la più giovane, Marta Bassino, che sta migliorando anche in slalom. In speciale nelle ultime settimane si sono distinte Anna Angriman e Giulia Benedetti. Ida Giardini e Jessica Mazzocco hanno fatto dei buoni giri in gigante, e sono fra quelle che saranno più indirizzate alla velocità. Tatiana Nogler Kostner e Lias Pfeifer vengono da stagioni travagliate a causa di infortuni, ma sono sulla strada del recupero. A Zermatt era assente Federica Sosio, mentre Nicole Agnelli ha lavorato con la B in Argentina». Intanto settimana prossima ancora sulla neve: «Ci divideremo però in due gruppi, vuoi allo Stelvio, vuoi nell’indoor tedesco di Wittenburg. In Germania Olivieri, Benedetti, Nogler, Sosio, Angriman, Midali».
 

Articolo precedenteAssegnati i tricolori di ciclismo per maestri di sci
Articolo successivoVoglia di 'Razzo'
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...