Wonder-Vonn ad Aare: vittoria e quarta Coppa del Mondo

0
718

L'americana vince il gigante e si aggiudica matematicamente la overall

Non smette più di stupire. L’ultima versione di Lindsey Vonn è quella di una gigantista sopraffina, dalle tempistiche di curva perfette, capace di fare velocità su tutti i tipi di curva. Undicesima vittoria stagionale, seconda in questa disciplina, ma soprattutto quarta Coppa del Mondo overall della carriera matematicamente in bacheca. Basta questa descrizione della performance dell’americana per esaltare il secondo posto di Federica Brignone. Già, perché nella grande giornata dell’americana, l’azzurra è tornata a far vedere una sciata all’altezza del suo talento. Coraggiosa, stabile sullo sci, che ha lasciato libero di sfogarsi e portare fuori velocità come solo lei sa fare. Federica, quarta dopo la prima discesa, ha rimontato prima Anna Fenninger e poi Viktoria Rebensburg ed è stata superata solo da una prova superlativa di wonder-Vonn. Ma lo sci azzurro applaude anche la grande seconda manche di Lisa Magdalena Agerer: lei, che in Coppa Europa ha fatto un po’ la Vonn, ha recuperato venti posizioni nella seconda discesa, facendo segnare nettamente il miglior tempo parziale e ha conquistato la prima top 10 in carriera con il settimo posto. Undicesimo posto ex-aequo per Denise Karbon e Nadia Fanchini, che ha confermato di aver ritrovato appieno i tempismi di questa disciplina. Più indietro Manuela Moelgg (quattordicesima), Sabrina Fanchini (ventesima), Giulia Gianesini (ventiduesima) ed Irene Curtoni (ventitreesima). Otto atlete qualificate per la seconda manche su nove al cancellato è comunque un grandissimo risultato per il team di Stefano Costazza. Ma soprattutto l’Italia presenterà al cancellato di partenza di Schladming pen sei atlete: Federica Brignone, Irene Curtoni, Denise Karbon, Manuela Moelgg, Lisa Magdalena Agerer e Giulia Gianesini. Per la classifica di specialità, la matematica tiene vive le speranze di Lindsey Vonn, che ha 95 punti di ritardo da Viktoria Rebensburg: sulla Planai dovrebbe vincere sperando nell’errore della tedesca.