Weirather: «Head? Ho testato a lungo prima di decidere». Salzgeber: «Tina, atleta fantastica»

La campionessa del Liechtenstein spiega le motivazioni che l'hanno portata a cambiare azienda dopo sei anni con Atomic. Il capo del reparto corse di Head è entusiasta del 'nuovo acquisto'

0
Tina Weirather, nuovo prestigioso ingresso in Head

Una scelta importante, sofferta, meditata a lungo, per vincere ancora di più. Da Atomic a Head, in un gruppo nuovo già pieno di stelle. Tina Weirather racconta i retroscena del suo cambio annunciato già da un paio di stagioni e anche le sensazioni che ha provato alla vigilia dell’ultimo Super G 2017, poi vinto, con tanto di ‘coppetta’ annessa. «Era l’ultima possibilità, l’atto finale. Ho messo tantissima pressione su di me, ma sapevo di aver lavorato al massimo per questo obiettivo e di essere pronta. Non mentirò, ci sono stati momenti in cui ho pensato di non farcela. Poi, però, ho ricordato tutte le ore di allenamento e gli sforzi impiegati per prepararmi e ho capito di poterlo meritare». Ventisette anni, figlia d’arite, Weirather ha chiuso la stagione appunto con la vittoria della Coppa di specialità in Super G e la medaglia d’argento ai Campionati del Mondo sempre nella stessa specialità. Sette sono i successi totali in carriera nel circuito maggiore (cinque Super G, uno in Slalom Gigante e uno in Discesa), conditi da 31 podi.

Da sinistra: Tina Weirather, argento; Nicole Schmidhofer, oro; Lara Gut, bronzo. Il podio del superG iridato a St Moritz 2017 (@Zoom agence)
Da sinistra: Tina Weirather, argento; Nicole Schmidhofer, oro; Lara Gut, bronzo. Il podio del superG iridato a St Moritz 2017 (@Zoom agence)

HEAD – Riguardo la volontà di unirsi a un nuovo team per quanto riguarda sci e scarponi, Tina ha spiegato: «Sono entusiasta. Dopo questa stagione trionfale e prima dell’anno olimpico può sembrare strano voler cambiare materiale. Ci ho pensato e ho testato a lungo prima di decidere. Nei test con HEAD mi sono sentita a mio agio sin da subito e ho capito che il materiale si adattava al meglio alla mia tecnica in gigante, super g e discesa. La professionalità e la passione trovate sono state una fonte di ispirazione e sono subito entrata in sintonia con tutti. Sono consapevole di avere molto lavoro da fare, ma se il mio adattamento ai nuovi materiali manterrà questo andamento sono convinta di poter ottenere ottimi risultati».

Tina Weirather con la coppa di superG 2016-2017 (@Atomic Gepa)
Tina Weirather con la coppa di superG 2016-2017 (@Atomic Gepa)

PAROLA AI CAPIRainer Salzgeber, Racing Manager del programma World Cup Rebels, si è detto entusiasta di poter annoverare Tina nel suo team: «Ha una grandissima personalità ed è un’atleta fantastica. Penso possiamo aiutarla a diventare una sciatrice vincente, soprattutto nelle discipline veloci, e a recuperare le posizioni di vertice in gigante». Johan Eliasch, CEO e Presidente del consiglio di HEAD ha aggiunto: “Sono contentissimo della scelta di Tina. Il livello delle atlete del nostro team diventerà ancora più alto con il suo ingresso. Mi aspetto grandi successi».

Tina farà il suo debutto con il nuovo materiale all’opening di Coppa del Mondo di Solden ad Ottobre.

Ilka Stuhec, Tina Weirather e Federica Brignone sul podio del superG ad Aspen (@Zoom agence)
Ilka Stuhec, Tina Weirather e Federica Brignone sul podio del superG ad Aspen (@Zoom agence)